A quasi un mese dalla prima gara del Mondiale 2021, che si terrà il 28 marzo in Qatar, è stata presentata ufficialmente la Honda del 2021, quella che guideranno Marc Marquez e Pol Espargaro. L'attesa era però tutta sulle parole dell'otto volte campione del mondo che lo scorso anno è stato messo fuori causa da un infortunio che ha fatto sorgere dei dubbi anche sul proseguo della sua carriera. E Marquez, nella presentazione rigorosamente online, non ha rassicurato i suoi numerosi tifosi: "Spero di tornare presto, ma non so quando succederà, di sicuro quando tornerò non sarò al 100%, non sarò il solito Marc".

I dubbi di Marc Marquez

Marc Marquez subì un serio infortunio nella gara d'apertura del Mondiale 2020, rimediando una frattura all'omero del braccio destro, cercò di rientrare pochi giorni dopo ma rinunciò durante le qualifiche. Successivamente subì la rottura della placca in titanio, era stato costretto a operarsi nuovamente. In seguito a ulteriori complicanze Marquez è finito ancora sotto i ferri e per questo non sa se avrà la possibilità di correre con la Honda né di poter continuare la sua carriera:

Non so quando sarò pronto, l'importante è che ogni settimana io mi senta meglio. Spero di tornare il prima possibile, ma ancora non so quando potrà accadere. È la prima volta nella mia carriera che non guido per così tanto tempo. Quando salirò sulla moto non sarò al 100%, sarebbe impossibile esserlo. Immagino un grande rientro, saltando sulla moto e mostrando di essere lo stesso. Ma non sarà lo stesso, sarà difficile. Vedremo se servirà una gara o due, oppure mezza stagione per essere lo stesso Marc di prima.

Coppia con Pol Espargaro con la Honda 2021

Anche coloro che non hanno mai fatto il tifo per lui lo aspettano, perché la voglia di vedere un campione in pista c'è sempre ed è pure parecchia. Quest'anno a far coppia con Marquez ci sarà Pol Espargarò, che il campione della Honda conosce da tempo, i due sono stati compagni di squadra da ragazzini:

L'obiettivo principale di solito è lottare per vincere il titolo. Ma il 2021 è totalmente diverso. Il mio obiettivo è tornare sulla moto e divertirmi, poi step by step tornare veloce come lo ero prima dell'infortunio. Non si può pretendere di arrivare dopo un anno ed essere subito lo stesso Marc, dobbiamo essere coscienti di questo, sono contento ci sia in squadra Pol Espargaró, ci conosciamo da quando siamo ragazzini, siamo stati anche compagni di scuderia da adolescenti, è pazzesco pensare che ora saremo l'uno al fianco dell'altro in MotoGp.