151 CONDIVISIONI
La nuova Superlega europea di calcio
20 Aprile 2021
18:24

Berlusconi parlava di Superlega nel 1988: “Giocheremo sempre a Madrid e non in paesini di provincia”

Il 17 maggio 1988 Silvio Berlusconi rilasciò un’intervista in cui celebrò il Milan che aveva da pochi giorni vinto lo scudetto e che dopo pochi mesi avrebbe disputato per la prima volta la Coppa dei Campioni. Berlusconi parlando del futuro di quella competizione di fatto anticipò, 33 anni prima, la nascita della Superlega: “Nelle coppe europee prevale l’imponderabile. Dobbiamo trasformarle in un campionato continentale, con certezze gestionali ed economiche per le società. Andremmo a giocare sempre a Madrid, Barcellona e Lisbona, non in qualche paesino sperduto di provincia”.
A cura di Alessio Morra
151 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La nuova Superlega europea di calcio

La Superlega è diventata realtà. Non si conoscono i nomi di tutte le venti squadre che vi parteciperanno né quando si terrà la prima edizione. Ma il progetto viaggia spedito. La Superlega dovrebbe essere il futuro del calcio mondiale, al netto di tante voce contrarie, incluse quelle della politica. Da anni si parla di un progetto del genere, ma il primo ad aver parlato di un grande torneo internazionale è stato Silvio Berlusconi. E quelle parole dette in un'intervista del 1988 oggi sono tremendamente attuali.

Giocheremo sempre a Madrid e Barcellona

Il Milan aveva vinto lo scudetto da pochi giorni, con un finale di stagione eccezionale la squadra guidata da Sacchi rimontò il Napoli di Maradona e conquistò il primo titolo dell'era Berlusconi. Il 17 maggio 1988, mentre erano ancora grandi i festeggiamenti e mentre si preparava a disputare la Coppa dei Campioni (che il Milan vinse sia nel 1989 che nel 1990), l'allora presidente rossonero rilasciò un'intervista al Corriere della Sera in cui parlò di un campionato continentale:

Nelle coppe europee prevale l’imponderabile. Dobbiamo trasformarle in un campionato continentale, con certezze gestionali ed economiche per le società. Andremmo a giocare sempre a Madrid, Barcellona e Lisbona, non in qualche paesino sperduto di provincia.

Con che spirito una provinciale può giocare a San Siro

In quell'intervista Berlusconi predisse il futuro. Tante intuizioni dell'imprenditore sono diventate poi parti fondamentali del mondo del calcio, ma quelle parole ora risuonano in modo differente. Tenendo ben presente che da quel momento in poi la Coppa dei Campioni è diventata Champions League e ha cambiato più volte (in quasi tre decenni) la propria formula. Ma certo ora con la Superlega sta per prendere vita il progetto esposto dall'ex Presidente del Consiglio 33 anni fa:

Le formazioni di un certo livello, capaci di contare su vasto pubblico e incassi conseguenti, devono poter competere tra di loro. Poi eventualmente si può studiare una formula basata sui playoff. Anche la Serie A a 18 squadre va contro gli interessi del calcio. Con che spirito una provinciale può venire a giocare a San Siro? Al massimo per tenere lo 0-0.

151 CONDIVISIONI
177 contenuti su questa storia
Cosa rischia la Juventus per la Superlega dopo l'ultimo ricorso vinto dalla Uefa
Cosa rischia la Juventus per la Superlega dopo l'ultimo ricorso vinto dalla Uefa
Al-Khelaifi seppellisce l'idea Superlega con una battuta:
Al-Khelaifi seppellisce l'idea Superlega con una battuta: "A crederci ancora sono rimasti in tre"
Sprezzante accusa a Juve, Real e Barcellona sotto gli occhi di Agnelli: “Mentono più di Putin”
Sprezzante accusa a Juve, Real e Barcellona sotto gli occhi di Agnelli: “Mentono più di Putin”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni