713 CONDIVISIONI
Covid 19
7 Marzo 2020
15:10

Coronavirus, Gravina: “Giocatore positivo in Serie A? Potremmo sospendere il campionato”

Il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, ha parlato delle possibili conseguenze in caso di contagio per un giocatore di Serie A: “In quelle circostanze adotteremo tutti i provvedimenti necessari per garantire prima la tutela dei nostri atleti e poi capire cosa si può fare e che impatto può avere sulla competizione sportiva. Non possiamo escludere nulla né azzardare ipotesi che oggi non riusciamo ancora a prevedere. Non possiamo escludere neanche la sospensione del campionato”.
A cura di Alberto Pucci
713 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Mentre tutto lo sport cerca di cautelarsi annullando tornei e gare e chiudendo le porte di stadi e palazzetti, il presidente della Federcalcio ha voluto avvisare tutti i tifosi su quello che potrebbe accadere in caso di giocatore positivo al Coronavirus nel massimo campionato di calcio: "In caso di Coronavirus per un giocatore di Serie A dobbiamo essere realisti – ha dichiarato Gabriele Gravina, ai microfoni di Rai Sport – In quelle circostanze adotteremo tutti i provvedimenti necessari per garantire prima la tutela dei nostri atleti e poi capire cosa si può fare e che impatto può avere sulla competizione sportiva. Non possiamo escludere nulla né azzardare ipotesi che oggi non riusciamo ancora a prevedere. Non possiamo escludere neanche la sospensione del campionato".

Gravina allontana le polemiche

Dopo il caso segnalato in Serie C e le notizie arrivate anche dall'estero, dove alcuni protagonisti del calcio europeo sono stati messi in quarantena, il numero uno del calcio italiano è dunque tornato a raccontare come il movimento sta cercando di affrontare e combattere l'emergenza Covid-19: "Abbiamo cercato, raccogliendo l’invito del ministro Vincenzo Spadafora, di andare incontro alle esigenze degli italiani nella speranza che tutti possano seguire questi eventi da casa – ha aggiunto Gravina – L’evento a porte chiuse è sicuramente un evento monco. Che i presidenti discutano dei propri interessi è un grave errore perché danneggia l’immagine del calcio italiano ma anche i loro interessi. La tutela del proprio orticello non è altro che la morte lenta del nostro sistema sportivo".

Le partite di Serie C gratis fino al 3 aprile

Un aiuto alla prevenzione e all'invito esteso a tutti i tifosi di rimanere a casa ed evitare luoghi affollati, è intanto arrivato dai vertici della Lega Pro che hanno trovato l'intesa con Eleven Sport (il ‘broadcaster' che detiene i diritti televisivi di Serie C) per trasmettere gratuitamente in streaming tutti gli incontri del terzo campionato italiano fino al 3 aprile. Una decisione di buon senso, che per il momento Serie A e Serie B non hanno ancora potuto prendere.

713 CONDIVISIONI
28329 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni