Uomini e Donne 2021/2022
21 Luglio 2022
18:59

Andrea Fratino ha rifiutato Uomini e Donne: “Non è più la vetrina di una volta”

Il TikToker Andrea Fratino ha dichiarato di essere stato contattato più volte dalla redazione di Uomini e Donne, non è chiaro se per il ruolo di tronista o di corteggiatore.
A cura di Daniela Seclì
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Uomini e Donne 2021/2022

Andrea Fratino, TikToker di successo ed ex concorrente del reality di Rai2 La Caserma, ha svelato – durante una diretta per RDS Next – di avere sognato a lungo di partecipare a Uomini e Donne. Quando la fatidica proposta è arrivata, però, ha preferito rifiutare. Ecco perché.

Andrea Fratino non ha accettato di partecipare a Uomini e Donne

Andrea Fratino sostiene di essere stato contattato dalla redazione di Uomini e Donne, non è ben chiaro se per il ruolo di tronista o di corteggiatore. Tuttavia, il ventunenne avrebbe preferito declinare l'invito:

"Quando ero piccolo sognavo di andare a Uomini e Donne. Intorno ai 14 – 15 anni. Poi in realtà, avendo questa visibilità, più volte sono stato chiamato dalla redazione. Ho i messaggi, mail, mi hanno anche chiamato al telefono per andare lì. Ho detto di no. Perché non è più, secondo me, la vetrina di una volta. Prima Uomini e Donne era diverso. C’era il Trono Classico e il Trono Over. Adesso sono tutti assieme. La musichetta è cambiata, non posso andare a Uomini e Donne se non c’è “turututututuru”. E poi, sinceramente, ero piccolino e non capivo cosa significasse andare in un programma per trovare l’amore della mia vita".

Andrea Fratino racconta l'incidente in auto

Andrea Fratino ha anche raccontato che inizialmente i suoi genitori lo prendevano un po' in giro, quando lui parlava della sua intenzione di diventare un influencer. Tuttavia, non gli hanno mai fatto mancare il loro appoggio:

"Io ho fatto un programma televisivo, La Caserma. Ho avuto una piccola visibilità e i miei mi prendevano un po' in giro, mi dicevano: "Vuoi fare l'infuencer", non ci credevano. Ma io sapevo che se mi fossi impegnato, sarei arrivato a quello che volevo. Quando ho detto ai miei che me ne sarei andato di casa, a vivere da solo, dicevano: "Tra una settimana sei di nuovo qua". Però mi appoggiano".

Infine, è tornato con la mente all'incidente avuto nei mesi scorsi: "Ho fatto un incidente in auto a settembre, mi hanno operato a ottobre, mi hanno dimesso i primi di dicembre. Mi dissero che non avrei mai più ripreso a fare attività fisica, al massimo la cyclette. Ho otto viti nella schiena, mi sono lesionato il midollo, ho rischiato la paralisi. Però ho ripreso a giocare a calcetto, ho fatto un torneo di 12 ore e stasera gioco di nuovo".

178 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni