1.612 CONDIVISIONI
Indagine sulla morte di Andrea Purgatori

“Andrea Purgatori non ha capito che se ne stava andando”, il ricordo commosso del direttore di La7

Il Direttore di La7 Andrea Salerno ha ricordato l’amico e collega Andrea Purgatori, morto a soli 70 anni per una malattia fulminante, durante il TgLa7: “Un mare di affetto che spero arrivi ai figli Vittoria Ludovico ed Eduardo, che stanno soffrendo molto”. Mentana: “Ha capito che se ne stava andando?”, “No, per fortuna non credo”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Eleonora D'Amore
1.612 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Indagine sulla morte di Andrea Purgatori

Il Direttore di La7 Andrea Salerno ha ricordato l'amico e collega Andrea Purgatori durante il TgLa7: "È inutile stare qui a spendere altre parole per il suo talento. Devo dire che sono rimasto colpito e ringrazio tutti quanti a nome della della rete, della nostra comunità. Tante le parole di affetto che sono arrivate verso Andrea, ho sentito anche la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, in questo mare di affetto che spero arrivi ai figli Vittoria Ludovico ed Eduardo e alla famiglia tutta, che sta soffrendo molto. Andrea ha dato tanto alla nostra rete, ha dato un racconto straordinario".

Andrea Salerno: "Un giornalista di razza, se ne è andato inconsapevole"

Nel ricordo di Andrea Salerno a un certo punto prende il sopravvento la parte più umana e personale di Andrea Purgatori, morto a soli 70 anni a causa di una malattia fulminante: "Per me è difficile parlare di lui in questo momento perché eravamo legatissimi. Andrea era un giornalista di razza, ce ne sono pochi, ci ha insegnato tantissimo, sia su come si vive sia su come si fa questo mestiere. Con lui ci siamo divertiti tutti tantissimo e in questo momento ci direbbe ‘va bene, avete prenotato da qualche parte dopo tutto questo?‘". Enrico Mentana è infine intervenuto per una domanda "da cronista" e ha chiesto al direttore di La7 se Andrea Purgatori fosse consapevole che se ne stesse andando. La risposta interrotta dalla commozione: "No, non credo, per fortuna".

@la7_tv

Andrea Salerno, il Direttore di La7, ricorda Andrea Purgatori: "Con Andrea ci siamo divertiti tantissimo". #andreapurgatori #la7

♬ suono originale – LA7

Mentana: "Andrea piaceva perché credibile e autorevole"

Enrico Mentana poco prima aveva a sua volta condiviso un ricordo commosso si Andrea Purgatori, dedicandogli l'apertura del TG La7 mettendo in fila le sue imprese giornalistiche e lo spirito che aveva sempre animato il suo lavoro: "Andrea Purgatori piaceva tanto, a tanti. Perché era credibile, perché era autorevole. Sì, certo, lo aiutavano quell’espressione intensa ma non seria, quella voce che sembrava impostata, ma era proprio la sua, calda e coinvolgente; quella postura autorevole ma non impettita. Questa però era solo la resa formale a cui – per la verità – Andrea era interessato il giusto. Perché non era un personaggio. Era un cronista diventato narratore di razza, con un patrimonio che i suoi epigoni non potranno avere. Perché se c'è qualcosa di non copiabile, di non replicabile in questo mestiere, è proprio l'esperienza, che si fa autorevolezza. La sua e quella di una leva di giornalisti che ancora giovani si erano trovati a seguire giorno dopo giorno – tra luoghi del delitto, questure e incontri con protagonisti o informatori – quel quinquennio nero della nostra storia, dal rapimento di Aldo Moro nel 1978 fino alla scomparsa di Emanuela Orlandi nel 1983, passando per le stragi di Ustica e della stazione di Bologna, distanti solo 5 settimane una dall’altra in quella cupa estate del 1980. E poi l'anno successivo l'attentato al Papa in Piazza San Pietro, l'esplosione dello scandalo P2, la morte di Calvi sotto il ponte dei Frati Neri a Londra. Il cuore dei misteri italiani sta ancora lì, tra l'agguato di via Fani e la sparizione di quella adolescente che viveva in Vaticano, e una serie di storie tragiche e gravissime destinate a generare dubbi e sospetti, oscurità e misteri, e una voglia civile di verità. Il grumo di quelle vicende è stata l'arena di Andrea, prima dalle colonne del Corriere della Sera, poi qui a La 7 con Atlantide. Mai saccente, mai così assertivo da rischiare di orientare il lettore o il telespettatore verso una tesi già confezionata, ma anzi cultore del confronto tra ipotesi diverse, per spirito democratico, per esercizio del dubbio giornalistico, ma anche per passione dell'intreccio dall'esito non scontato. Passione che del resto esercitò anche nell'evoluzione cinematografica delle sue prime grandi inchieste, come sceneggiatore di due film di Marco Risi, Il muro di gomma su Ustica e Fortapàsc sul delitto Siani. Sapeva raccontare, come un cantastorie Andrea, quale che fosse la sua tribuna: quella della carta stampata o del teleschermo, in cui la ricerca dell'attenzione di chi ti segue va immaginata, provocata, con quel suo stile piano, chiaro e senza parentetetiche. O quella della sigaretta fuori dallo studio, o della tavolata tra vecchi amici. Ecco, era sempre lo stesso Purgatori, allergico ai trombonismi e alle gerarchie formali, pronto allo sghignazzo e curioso però di ogni storia, cronista sempre, civile sempre, fino alla fine. E rispettato. Perfino gli habitué del post di commiato con foto che li ritrae insieme allo scomparso stavolta si sono astenuti, immaginando il suo "Ma che fai? E spostati"".

1.612 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views