38 CONDIVISIONI
Sparatoria a Fidene

Strage di Fidene, processo unico per Campiti e poligono: “Hanno più responsabilità del killer”

“Si può mandare a processo chi ha sparato e non chi gli ha consegnato l’arma? Sarebbe stato assurdo”. La Corte d’Assise ha unito i due processi sulla strage di Fidene: quello che vede imputata il killer Claudio Campiti e quello che riguarda i 4 enti del Tiro a segno.
A cura di Beatrice Tominic
38 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Ci sarà un unico processo per Claudio Campiti e il poligono da cui ha prelevato le armi utilizzate per sparare durante la riunione di condominio che si stava tenendo a Fidene l'11 dicembre del 2022. Lo ha deciso oggi la Corte di Assise a Roma, che ha unito i due procedimenti, quello nei confronti del killer e il secondo per omessa custodia delle armi che vede imputati il presidente del tiro a segno di Roma Bruno Ardovini e un dipendente dell'armeria Giovanni Maturo.

Il poligono, un "vero e proprio arsenale"

"Il giudice ha poi autorizzato la chiamata dei responsabili civili che sono quattro enti: Tiro a Segno Nazionale di Roma, cioè il poligono; Unione Italiana Tiro a Segno, cioè la federazione che sta al di sopra di Tiro a Segno Nazionale; Ministero della Difesa e Ministero dell'Interno", spiega a Simona Berterame di Fanpage.it l'avvocato di parte civile Francesco Innocenti.

"Siamo in presenza di un vero e proprio arsenale a pochi passi dai palazzi del potere romani – continua il legale – Quando il ministero della Difesa propone un progetto, all'interno del progetto, invece di mettere delle misure di sicurezza, fra i beni essenziali che devono essere investiti mette un bar. E questo stride un po' con le linee di sicurezza naturali che dovevano essere correlate alla struttura del poligono". Soltanto nelle prossime udienze, previste ad aprile, si verrà a conoscenza di eventuali richieste di esclusione. "Quello di oggi, intanto, è un grande passo avanti – aggiunge – Perché Campiti ha studiato il funzionamento del centro di noleggio. Prima ha utilizzato il tiro a segno per addestrarsi, poi armarsi e poi compiere la strage".

La reazione del marito di Nicoletta Golisano

"Chiunque ha contribuito ad uccidere Nicoletta deve avere la giusta pena – aggiunge Giovanni Betti, marito di Nicoletta Golisano, una delle quattro vittime della strage (insieme a Sabina Sperandio, Elisabetta Silenzi e Fabiana De Angelis) – Unire i processi, secondo me, parlando da cittadino a non da avvocato, è stata una cosa molto semplice. Si può mandare a processo chi ha sparato e non chi consegna l'arma? Sarebbe assurdo", spiega.

"L'arma è stata data a Campiti in una maniera troppo semplice – continua Betti – Io ho visto le immagini ormai di dominio pubblico. Si vede un uomo che esce dal poligono con una valigetta in mano. È tranquillo, stava passeggiando. Quindi chi non ha vigilato su Campiti è ancora più responsabile di lui. Campiti è stato armato. Perché penso che al mondo possano esistere migliaia di Campiti. Ma che se non li armiamo, non fanno niente".

38 CONDIVISIONI
37 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views