160 CONDIVISIONI
Omicidio Luca Sacchi ucciso a Roma
15 Giugno 2021
16:10

Omicidio Luca Sacchi, la versione del killer: “Non mi ha visto quando gli ho sparato”

“Luca non mi ha visto mentre sparavo. Non se ne è neanche accorto”, ha dichiarato Valerio Del Grosso questa mattina in Corte d’Assise nel corso del processo per la morte di Sacchi. “La pistola mi è stata consegnata carica. Io neanche sapevo dove andare a prendere i proiettili”, ha aggiunto ancora Del Grosso.
A cura di Enrico Tata
160 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Luca Sacchi ucciso a Roma

Valerio Del Grosso è il ragazzo che ha sparato il colpo di pistola che ha ucciso Luca Sacchi il 23 ottobre del 2019 a Roma. "Luca non mi ha visto mentre sparavo. Non se ne è neanche accorto", ha dichiarato questa mattina in Corte d'Assise nel corso del processo per la morte di Sacchi. L'omicidio è avvenuto nel corso di uno scambio soldi-droga: il gruppo di Del Grosso avrebbe dovuto fornire la droga e gli altri avrebbero dovuto dare in cambio i soldi, circa 70mila euro. Del Grosso e Paolo Pirino si sono presentati all'appuntamento e hanno deciso di trasformare lo scambio in una rapina. L'intenzione era quella di rubare i soldi, mai ritrovati dagli inquirenti, contenuti nello zaino rosa di Anastasiya, la fidanzata di Luca Sacchi. Pirino è sceso dalla macchina, secondo Del Grosso, proprio per rubare i soldi alla ragazza: "Pirino è sceso dalla macchina dicendo ‘ci penso io'. Non ho visto se l'ha colpita, l'ho solo vista per terra".

Del Grosso: "Non so perché ho sparato a Luca"

Pensavano che Anastasiya fosse sola e invece è arrivato Sacchi in difesa della ragazza e ha scaraventato Pirino a terra. È in quell'occasione che Del Grosso ha premuto il grilletto. Secondo quest'ultimo la pistola gli è stata fornita da Marcello De Propris, a processo anche lui: "La pistola era carica. Io neanche sapevo dove andare a prendere i proiettili". Armando De Propris, il padre del ragazzo, è finito anche lui a processo, perché accusato di essere il proprietario dell'arma: "Il 24 incontrai mio figlio due volte e mi disse che aveva dato l'arma scarica a Del Grosso per un debito che doveva pagare. L'acquirente oltre alla droga voleva anche un'arma. Mi disse che Del Grosso aveva già comprato i proiettili", ha dichiarato l'uomo in una precedente seduta.

Valerio Del Grosso e Paolo Pirino sono accusati di concorso in omicidio volontario insieme a Marcello De Propris che, come detto, consegnò loro l'arma con cui Sacchi è stato ucciso. Il papà di De Propris è accusato di essere il proprietario dell'arma, mentre Anastasiya è sia parte civile nel processo, che accusata di violazione della legge sugli stupefacenti.

160 CONDIVISIONI
155 contenuti su questa storia
Omicidio Luca Sacchi, intercettazioni smentiscono Del Grosso: "Ho sparato per fargli sentire il botto"
Omicidio Luca Sacchi, intercettazioni smentiscono Del Grosso: "Ho sparato per fargli sentire il botto"
Il ruolo di Simone Piromalli, morto ieri in incidente, nel processo sull'omicidio di Luca Sacchi
Il ruolo di Simone Piromalli, morto ieri in incidente, nel processo sull'omicidio di Luca Sacchi
Incidente sul Gra, morti due 21enni: uno è Simone Piromalli, testimone del processo Sacchi
Incidente sul Gra, morti due 21enni: uno è Simone Piromalli, testimone del processo Sacchi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni