175 CONDIVISIONI
5 Gennaio 2023
7:38

Evade dai domiciliari perché non ce la fa più a litigare con la famiglia: “Piuttosto il carcere”

L’uomo, un 66enne arrestato per droga, è evaso dalla propria abitazione di San Basilio aspettando che arrivassero i carabinieri. Il giudice però, lo ha rimandato a casa.
A cura di Natascia Grbic
175 CONDIVISIONI

Un uomo di sessantasei anni è evaso dagli arresti domiciliari perché non ce la faceva più a stare in casa insieme alla figlia, al genero e al nipote. E così, dopo avere avuto un litigio con quest'ultimo, che lo ha mandato a quel paese, ha deciso di uscire in strada con il braccialetto elettronico e farsi rintracciare dai carabinieri per essere riportato in carcere. Al giudice, durante l'udienza che si è tenuta la mattina successiva a piazzale Clodio, ha dichiarato: "In casa litigo con tutti, non ci voglio più stare".

La vicenda, riportata da la Repubblica, si è svolta a Roma, nel quartiere di San Basilio. Protagonista un 66enne arrestato per spaccio di droga e ai quali sono stati concessi gli arresti domiciliari. In molti sarebbero felici di non stare in carcere, ma lui no: ‘costretto' tra quattro mura con la moglie, la figlia, il genero e il nipote, ogni giorno litigava con i familiari. E, non potendo uscire di casa mai, la situazione si è fatta incandescente in pochissimo tempo.

Solo qualche giorno fa, l'ennesima lite: e allora il 66enne ha preso una decisione, è uscito di casa e si è tenuto nei dintorni, in modo da essere trovato dai carabinieri. Il braccialetto elettronico, infatti, ha immediatamente allertato le forze dell'ordine, che hanno saputo quasi immediatamente che l'uomo era uscito di casa.

Quanto i carabinieri lo hanno rintracciato, si è fatto arrestare senza battere ciglio. E al giudice, durante l'udienza che si è tenuta a piazzale Clodio, ha chiesto di essere mandato in carcere perché non ce la faceva più a litigare con la famiglia tutti i giorni. Il giudice però, nonostante abbia convalidato l'arresto, non ha però disposto ulteriori misure cautelari. E l'uomo è dovuto ritornare a casa senza che il suo desiderio fosse esaudito.

175 CONDIVISIONI
Avvocata passa documenti segreti al clan: Camilla Marianera resta in carcere, respinti i domiciliari
Avvocata passa documenti segreti al clan: Camilla Marianera resta in carcere, respinti i domiciliari
Rapina a mano armata in tabaccheria: arrestato uno dei rapinatori con casco integrale e pistola
Rapina a mano armata in tabaccheria: arrestato uno dei rapinatori con casco integrale e pistola
"Spavaldo e fragile": la canzone di don Burgio dedicata al trapper Baby Gang uscito dal carcere
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni