9.711 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 8 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 16 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
25 Luglio 2022
09:55

Renzi dice che se il Pd non corre alle elezioni con lui è colpa dell’astio di Letta

Matteo Renzi continua a strizzare l’occhio al Pd e alla coalizione che i dem stanno costruendo, ma poi attacca Letta: “Se il veto nei miei confronti è legato all’astio di Letta per le vicende del 2014, non possiamo farci niente”.
A cura di Tommaso Coluzzi
9.711 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Matteo Renzi rischia di correre da solo alle prossime elezioni, con la sua creatura – Italia Viva – che al momento viaggia intorno ai due punti e mezzo nei sondaggi politici. Negli ultimi giorni dal Nazareno è filtrato tutto e il contrario di tutto: prima i retroscena che mettevano in chiaro che, per il Pd, presentarsi alle elezioni con Renzi finirebbe per portare più contro che pro, poi l'apertura – per nulla convinta – di Enrico Letta. Il 25 settembre Italia Viva potrebbe presentarsi in solitaria e lo stesso Renzi, a questo punto, non lo esclude: "È l’ipotesi più probabile. E anche quella che trovo più affascinante – dice in un'intervista al Corriere della Sera – Se prevale l’intelligenza politica e si costruisce una coalizione vera, ci siamo. Ma se ciascuno vuole tenere le sue bandierine e pensa di poterci abbindolare con due seggi o tenerci fuori con un veto, beh, non ci conoscono".

Poi Renzi parla del suo rapporto con Enrico Letta, che dal famoso "stai sereno" non si è mai davvero ricucito: "Se c’è un veto politico su di noi ne prendiamo atto. E dopo le elezioni ciascuno risponderà delle sue scelte – spiega il senatore fiorentino – In una coalizione che va da Fratoianni a Toti passando per Brunetta, Gelmini e Orlando qualcuno mette veti su di noi? Per cosa? Forse perché siamo stati gli unici a proporre Draghi mentre loro inneggiavano a Conte creandone il mito di ‘fortissimo riferimento progressista'?". E ancora: "Se invece il veto è legato all’astio di Letta per le vicende del 2014, non possiamo farci niente – insiste – per noi conta la politica non i rancori personali".

Quanto al candidato di questa possibile coalizione di centrosinistra, senza Movimento 5 Stelle, per Renzi il migliore sarebbe il presidente dell'Emilia Romagna: "Stefano Bonaccini ha preso il voto dei moderati e quello degli estremisti di sinistra e ha fermato Salvini nel momento in cui sembrava impossibile – sottolinea il leader di Italia Viva – Bonaccini ha fatto meno campagne elettorali di Letta, ma ne ha vinte qualcuna in più".

9.711 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni