1.682 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 20 ore fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61394 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 20 ore fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
19 Agosto 2022
09:58

Perché si sta parlando di intromissioni della Russia in campagna elettorale e cosa dicono i partiti

Ecco perché si sta parlando di intromissioni da parte della Russia in campagna elettorale e cosa dicono i leader dei partiti, da Letta a Salvini.
A cura di Annalisa Girardi
1.682 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Scoppia il caso Russia. Dopo che l'ex presidente russo Dmitri Medvedev ha esortato via Telegram i cittadini europei a punire i loro governi al voto, sono scattate le reazioni della politica: dal Partito democratico a Carlo Calenda, passando per il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, sono arrivate parole di condanna. Ma non solo: c'è anche l'appello a tutte le forze politiche a prendere distanza dalle ingerenze russe. Un riferimento tutt'altro che velato alla destra sovranista, in particolare alla Lega, negli anni molto vicina alla Russia di Vladimir Putin.

"C'è un partito italiano, la Lega, che ha un accordo firmato nel 2017 con Russia Unita, il partito di Putin. Questo accordo deve essere disdettato. Se non lo fanno, è gravissimo per la sovranità del nostro Paese", ha commentato Enrico Letta. Subito la replica di Matteo Salvini: "I problemi degli italiani non sono i tweet di Letta o di un russo. Votano gli italiani, non i russi o i cinesi".

La presidente della Commissione esteri in Senato, l'esponente di Forza Italia Stefania Craxi, ha sottolineato come, sui rapporti con la Russia la Lega abbia dimostrato "ingenuità politica". E poi ha aggiunto, in un'intervista con Repubblica, "Medvedev ha lanciato accuse irricevibili. Ma ho la sensazione che sia un signore che ci stia poco con la testa, che manchi di equilibrio". Sulla stessa linea il numero due di Forza Italia, Antonio Tajani, per cui le parole di Medvedev sono sì "inopportune" e "da respingere nettamente", ma "non avranno alcun impatto sul voto degli italiani, molti dei quali non sanno nemmeno chi sia". Lo dice in un'intervista al Corriere della Sera, sottolineando che le ingerenze russe siano un problema su cui mantenere alta la guardia. Ma, aggiunge, "la sinistra non può permettersi di darci lezioni o di chiederci prove di fedeltà alle alleanze tradizionali del nostro Paese".

Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, da parte sua ha detto che sia necessario indagare i rapporti tra i partiti e il Cremlino. "Le destre che oggi tacciono sulle ingerenze consegnano il Paese alla Russia. È un problema di sicurezza nazionale", ha detto in un'intervista a La Stampa. E afferma di aver deciso di lasciare il Movimento Cinque Stelle dopo che l'ambasciatore russo Razov aveva "fatto un endorsement alla risoluzione di Conte sull'Ucraina, per questo siamo andati via da quel partito".

1.682 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni