60 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

Opposizioni unite contro l’attacco a Rafah, Conte e Schlein: “Fermiamo la follia di Netanyahu”

Reazioni dure di tutti i partiti italiani di opposizione dopo il raid israeliano che a Rafah ha causato decine di morti. Posizioni critiche, ma più moderate, dal governo Meloni con il ministro Tajani: “Siamo contrari all’offensiva a Rafah, ci sono troppe vittime”.
A cura di Luca Pons
60 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Le forze politiche italiane dell'opposizione hanno reagito duramente all'attacco dell'esercito israeliano a Rafah che ha causato decine di morti, e che il premier Netanyahu ha definito "un tragico incidente". Oggi il Consiglio dell'Unione europea ha riunito tutti i ministri degli Esteri, e si è discusso tra le altre cose anche del rilancio di una missione civile a Rafah e della possibile sospensione dell'accordo di associazione con Israele. Era presente all'incontro anche il ministro degli Esteri Antonio Tajani, che ha poi commentato: "Bisogna scongiurare il rischio di escalation. Siamo contro l'attacco a Rafah e per un cessate il fuoco immediato". E ancora: "Ci sono troppe vittime. Stanno per partire i nostri aiuti, ho il consenso e il sostegno sia di Israele che dell'Autorità palestinese".

Poche ore prima, lo stesso Tajani aveva sottolineato le responsabilità di Hamas: "Certamente la decisione di Hamas di lanciare missili da Rafah contro Israele è un modo per cercare di accelerare i tempi di un attacco a Rafah. Evidentemente Hamas sta usando Rafah per creare ulteriori problemi, cioè cerca di attirare Israele in una sorta di trappola mediatica. Ma a pagare il prezzo di tutto ciò sarà il popolo palestinese".

Hanno fatto discutere le parole del ministro della Difesa Guido Crosetto: "Ho l'impressione che Israele stia seminando un odio che coinvolgerà figli e nipoti. Hamas è un conto, il popolo palestinese è un altro. Dovevano discernere tra le due cose e fare una scelta più coraggiosa dal punto di vista democratico". Il ministro ha poi detto sui social che la critica dell'iniziativa a Rafah non equivale a una condanna al governo israeliano: "Non sto attaccando Israele, di cui sono sempre stato amico, o la sua legittima reazione contro il feroce attacco di Hamas".

Toni molto più duri da parte delle opposizioni, come detto. La segretaria del Pd Elly Schlein ha definito "inaccettabile" quanto accaduto: "Bisogna fermare la follia di Netanyahu", ha scritto, per poi affermare ai cronisti: "Tutta la comunità internazionale deve fermare Netanyahu. Serve un cessate il fuoco per fermare questo massacro, è gravissimo che Netanyahu prosegua nonostante la Corte internazionale di giustizia si sia espressa per fermare questo attacco a Rafah. Non c'è nessun Paese al mondo che si possa permettere di calpestare i principi del diritto internazionale".

Giuseppe Conte, leader del M5s, ha parlato dell'attacco durante un evento elettorale in Sardegna: "Mi vergogno di essere rappresentato da un governo che davanti a questa pagina atroce della storia si gira dall'altra parte, e avendo l'occasione di fare qualcosa si è astenuto per tre volte davanti alle Nazioni Unite. A Rafah si è consumato un crimine di guerra, serve un cessate il fuoco, una svolta per un negoziato di pace". Sui social ha scritto: "Ancora civili, donne, bambini massacrati. Bruciati vivi in una tendopoli di un campo profughi. Fermiamo la follia del Governo israeliano di Netanyahu!".

Critico Carlo Calenda: "Tutto questo non è umano e non è accettabile. Siamo oltre qualsiasi limite di legittima difesa. Netanyahu deve andare a casa ora. Sosteniamo il diritto di Israele di esistere e difendersi. Ma non così". Matteo Renzi, intervenendo sul tema, si è concentrato sulle trattative diplomatiche: "Nel Medio Oriente siamo ad un passo da una soluzione e contemporaneamente ad un passo dal baratro. È arrivato il momento di due popoli e due Stati, noi l'abbiamo detto al Parlamento israeliano, e abbiamo detto anche che Israele ha il diritto e dovere di esistere. In Medio Oriente ci sarà la pace se vincerà la politica".

Da Nicola Fratoianni invece è arrivata soddisfazione per la posizione dell'Unione europea: "In Europa si apre la discussione sull'accordo di associazione tra Ue e Israele che prevede la possibilità di sospenderlo in caso di gravi violazioni dei diritti umani. Ora, a maggior ragione il governo Meloni batta un colpo se non vuole continuare a rendersi complice del criminale Netanyahu".

60 CONDIVISIONI
893 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views