118 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

Medio Oriente, Meloni dice che la pace non si fa “con le belle parole”, ma con “deterrenza e sacrificio”

La premier Giorgia Meloni ha incontrato i militari italiani in Libano: “La pace non si costruisce con i sentimenti e le buone parole, la pace è soprattutto deterrenza e impegno, sacrificio”.
A cura di Annalisa Cangemi
118 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

La premier Giorgia Meloni ha parlato al contingente italiano alla base Millevoi di Shama in Libano: "Voi non ci siete durante le feste con la famiglia, non ci siete per i vostri amici, i vostri fidanzati e fidanzate, mogli e mariti: rinunciate a tutto per garantire quella pace di cui tanti, soprattutto in questo momento, si riempiono la bocca seduti comodamente dal divano di casa loro. Perché la pace non si costruisce con i sentimenti e le buone parole, la pace è soprattutto deterrenza e impegno, sacrificio", ha detto nel suo discorso, rivolgendosi ai militari.

In vista della Pasqua Meloni ha voluto esprimere "la riconoscenza e la vicinanza" del Governo e dell'Italia per "l'impegno profuso in un quadro di sicurezza fortemente deteriorato, a tutela della pace e della sicurezza internazionali", in linea con le Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. "Non può esserci pace se non c'è anche rispetto, e il rispetto che l'Italia è riuscita a costruire in nazioni e territori come questi, un rispetto garantito dalla professionalità e dall'umanità, dalla capacità di essere competenti ma anche di saper guardare al bisogno degli altri è la carta d'identità del nostro orgoglio", ha aggiunto.

La missione Unifil in Libano, a guida italiana "è indispensabile in una terra che è culla di civiltà e per molto tempo è stata un modello nella capacità di convivenza tra differenti confessioni religiose" e al Libano "l'Italia legata da una lunga storia di amicizia e riveste ruolo fondamentale ne Medio Oriente e nell'equilibrio di questa regione. Sono giorni difficili in Medio Oriente, in Europa, a livello mondiale: molte aree del pianeta di colpo si sono incendiate e quando c'è un incendio il rischio è che le fiamme volino da un albero all'altro e che non si riesca a domare l'incendio. Bisogna fare tutto il possibile per evitare quel rischio e voi siete parte di quello che noi possiamo fare, siete il fossato, la barriera di sabbia che aiuta a non far progredire l'incendio", ha detto ancora la presidente del Consiglio.

118 CONDIVISIONI
848 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views