72.080 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 12 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 4 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
26 Settembre 2022
02:01

Luigi Di Maio non è stato rieletto, non farà parte del prossimo Parlamento

Il ministro degli Esteri e leader di Impegno Civico va verso la sconfitta nel collegio uninominale in cui era candidato, battuto da Costa del Movimento 5 Stelle. Così Di Maio resterà fuori dal Parlamento.
A cura di Tommaso Coluzzi
72.080 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Luigi Di Maio, con ogni probabilità, non farà parte del prossimo Parlamento. Il ministro degli Esteri, ex capo politico e volto principale del Movimento 5 Stelle e oggi leader di Impegno Civico ha perso nel collegio uninominale in cui era candidato. Per quanto riguarda il proporzionale, invece, per il suo partito è una vera e propria missione impossibile. Dovrebbe raggiungere il 3% per entrare in Parlamento e secondo le proiezioni non è neanche vicino all'1%, il che vorrebbe dire che i suoi voti sarebbero dispersi e neanche utili alla coalizione di centrosinistra – guidata dal Pd – di cui fa parte il partito di Di Maio.

Secondo quanto riportato dall'elaborazione di Quorum/Youtrend per Sky Tg24, infatti, Luigi Di Maio è stato sconfitto nel collegio uninominale della Camera di Napoli Fuorigrotta e quindi, con ogni probabilità, sarà fuori dal prossimo Parlamento. L'istituto demoscopico dà praticamente per certa la vittoria del Movimento 5 Stelle, che in quel collegio ha candidato l'ex ministro Sergio Costa. Ironia della sorte fu proprio Di Maio a proporlo per la prima volta come titolare del dicastero dell'Ambiente, all'epoca del primo governo Conte – quello formato insieme alla Lega – e poi confermato anche nel bis a tinte giallorosse.

Per Di Maio si tratta di una grande sconfitta, anche perché era entrato a far parte della coalizione di centrosinistra – dopo la rottura con il Movimento 5 Stelle – proprio per poter rientrare in Parlamento. Il Pd aveva parlato di diritto di tribuna per tutti i leader. Per il ministro degli Esteri, nonostante un collegio che sembrava più che contendibile, è arrivata però una sonora sconfitta. Così, dopo due mandati, nonostante il suo addio al Movimento – per il quale in ogni caso, rottura a prescindere, non sarebbe stato ricandidabile una terza volta – la storia di Di Maio in Parlamento sembra essere finita. Per ora.

72.080 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni