871 CONDIVISIONI
6 Marzo 2021
11:00

La proposta di Beppe Grillo: “Io segretario del Pd e Conte a capo del Movimento 5 Stelle”

Beppe Grillo lancia una proposta (o provocazione) sul suo blog: si autocandida a segretario del Partito Democratico dopo le dimissioni di Zingaretti e conferma Conte alla guida del Movimento 5 Stelle. Per il futuro il comico genovese vede tutti i partiti intorno ad un tavolo a fare progetti sui temi su cui insiste da sempre: ambiente, energia, sostenibilità.
A cura di Tommaso Coluzzi
871 CONDIVISIONI

Proposta o provocazione. Difficile capirlo. Beppe Grillo torna a parlare con un lungo video sul suo blog e sui suoi canali, e lancia un messaggio che è a metà tra una stoccata ai compagni di coalizione piombati nel caos e una proposta seria di una visione per il futuro. "È tutta la notte che sogno, che mi sveglio di notte, penso progetti, scrivo fogli e foglietti – spiega Grillo – Ho fatto una considerazione, io non sono iscritto al Movimento 5 Stelle, non sono riuscito a votare". Ma "mi ero iscritto al Pd qualche anno fa, poi mi dettero indietro i soldi e la tessera e Fassino fece la sua premonizione dicendo: si faccia un partito". Da lì inizia la storia del Movimento 5 Stelle, ricorda Grillo.

Il comico genovese commenta la situazione politica attuale, con "una coalizione di forze antagoniste che devono governare insieme", e pensa al futuro: "Dovremo sempre conviverci, quindi riprogettare il tempo, riprogettare le città, riprogettare tutto, e non possiamo farci concorrenza, destra, sinistra". Grillo propone di creare un grande progetto comune, senza più idee di partito ma guardando al futuro e ai temi da lui spesso rilanciati. Per se stesso il garante del Movimento 5 Stelle vede un ruolo ben preciso, ma non nel partito che ha fondato.

Grillo si propone come segretario del Partito Democratico, a patto che ci sia "2050 nel simbolo", così come sarà "nel nostro prossimo con conte sarà 2050", spiega il garante del Movimento 5 Stelle. E poi rilancia: "Facciamo un progetto in comune con tutti i partiti, ne usciremo in un modo straordinario". I temi sono sempre gli stessi: energia, ambiente, sostenibilità, la società del futuro. "Io vengo lì e faccio il segretario elevato del vostro Pd, ma ve lo dico seriamente, mi iscrivo e portiamo avanti insieme questo progetto comune – continua Grillo – Io ci sto un anno, un annetto, Conte sta di là un annetto, parliamo con tutti e facciamo dei progetti comuni". E conclude: "Questa è l’idea che mi è venuta stanotte".

871 CONDIVISIONI
Beppe Grillo dice che il Movimento 5 Stelle resterà nel governo Draghi
Beppe Grillo dice che il Movimento 5 Stelle resterà nel governo Draghi
Conte si difende dopo la scissione:
Conte si difende dopo la scissione: "Ma quale fine del Movimento 5 Stelle, non scherziamo"
Conte:
Conte: "Non lascio la guida del Movimento 5 Stelle, sostegno a Draghi non è in discussione"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni