177 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
News sul caso Daniela Santanchè

La ministra Santanchè ha ricevuto un avviso di garanzia per il caso Visibilia, alla fine

Alla fine la ministra Santanchè ha saputo di essere indagata: lunedì 17 luglio alle 11:40 le è stata consegnata la notifica della richiesta di proroga delle indagini a suo carico della Procura di Milano.
A cura di Tommaso Coluzzi
177 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Daniela Santanchè è indagata dalla Procura di Milano per bancarotta e falso in bilancio. Ora, però, l'ha saputo ufficialmente. La ministra ha ricevuto il tanto atteso avviso di garanzia, che lei stessa continuava a ribadire – praticamente ogni giorno, durante ogni uscita pubblica – di non aver ancora visto. Il giorno dell'informativa in Senato, Santanchè si era scagliata contro la stampa – più precisamente contro il quotidiano Domani – per aver rivelato la notizia delle indagini a suo carico. Da allora ha sempre ribadito: "Non ho visto alcun avviso di garanzia".

Ora, però, non potrà dirlo più. Secondo quanto appreso ieri sera dall'Ansa e poi scritto dai vari quotidiani, Santanchè ha ricevuto la richiesta di proroga delle indagini della Procura di Milano a suo carico. Alla ministra, che è indagata con altre persone nell'ambito dell'inchiesta su Visibilia, l'avviso è stato notificato via posta lo scorso lunedì 17 luglio all'indirizzo della sua abitazione a Milano. C'è anche un orario preciso: le 11:40 del mattino. La persona che ha ritirato la comunicazione è stata definita "addetta alla casa".

Ora che la ministra è ufficialmente indagata, cresce l'attesa per il voto sulla mozione di sfiducia nei suoi confronti. L'imbarazzo del governo e della maggioranza – freddi sia nelle dichiarazioni che in Aula nel giorno della difesa dell'onore da parte di Santanchè – persiste, ma è molto difficile che la ministra possa essere tecnicamente sfiduciata. La mozione avanzata dal Movimento 5 Stelle trova l'appoggio del Partito Democratico e della sinistra, ma non dell'ex Terzo Polo, né nella quota di Azione, né tantomeno in quella di Italia Viva.

Numeri alla mano, è praticamente impossibile che la mozione passi. A meno che la maggioranza non decida di fare una precisa scelta politica. Ma anche nel caso si andasse in questa direzione, sarebbe Santanchè a fare un passo indietro e non una mozione dell'opposizione a sfiduciarla. Se dovesse arrivare un rinvio a giudizio, infatti, le cose potrebbero cambiare.

177 CONDIVISIONI
62 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views