109 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 4 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 10 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
16 Settembre 2022
21:00

Cosa sta succedendo sulle firme digitali e perché si chiede di spostare le elezioni

Gli esponenti di Referendum e Democrazia con Cappato annunciano che il governo si è costituito contro l’ammissione della lista alle elezioni, dopo che era stata esclusa per aver raccolto le firme digitalmente e aveva presentato ricorso. Ora, però, “il provvedimento cautelare auspicato dai ricorrenti imporrebbe di differire lo svolgimento delle elezioni”.
A cura di Tommaso Coluzzi
109 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Le elezioni politiche del prossimo 25 settembre potrebbero essere spostate. A meno di dieci giorni dal voto, infatti, il governo si è costituito contro l’ammissione di Referendum e Democrazia con Cappato. Lo hanno annunciato gli stessi esponenti della lista, che era stata esclusa dalla tornata elettorale per aver raccolto le firme digitalmente. Presentato il ricorso, ora, però, le cose potrebbero cambiare. E le conseguenze non sarebbero solo per la lista di Marco Cappato, ma per le elezioni in generale.

Le elezioni sono "un complesso procedimento, con rigorose scansioni temporali che, in caso di accoglimento del ricorso, sarebbero completamente stravolte al punto da imporre di fissare una nuova data per la convocazione dei comizi elettorali – scrive l’avvocato dello Stato nella memoria depositata a nome del governo – Di fatto il provvedimento cautelare auspicato dai ricorrenti imporrebbe di differire lo svolgimento delle elezioni".

La presa di posizione dell'esecutivo, però, arriva a pochissimi giorni dall'udienza del 19 settembre, in cui verrà affrontato il ricorso presentato il 2 settembre scorso al Tribunale di Milano. I ricorrenti della lista di Cappato chiedono di essere riammessi d'urgenza alle elezioni del 25 settembre e anche di riconoscere la validità delle firme digitali in linea con i principi costituzionali di diritto europeo e internazionale.

"Il governo fa pendere sulla testa del giudice del Tribunale di Milano la responsabilità dello spostamento delle elezioni, che però sarebbe solo e soltanto conseguenza dell’inerzia e dell’inanità del governo stesso", accusa Marco Cappato. L'attivista e leader della lista, infatti, aveva chiesto a gran voce al governo di intervenire con un decreto che confermasse la validità della firma digitale anche per le elezioni, come per i referendum.

Tutto dipenderà dalla decisione del giudice, insomma. Nei prossimi giorni tutti gli occhi saranno puntati sul Tribunale di Milano, perché le elezioni politiche – a questo punto – potrebbero non tenersi più il 25 settembre.

109 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni