“Quando il Parlamento chiama, il politico risponde, perché il Parlamento è sovrano e lo dice la nostra Costituzione”. È questo il passaggio centrale della riflessione sul caso Savoini che il vicepresidente del consiglio Luigi Di Maio affida alla sua pagina Facebook e che è destinata a rappresentare un ulteriore elemento polemico nella discussione apertasi a seguito delle rivelazioni di BuzzFeed e de L’Espresso. Di fatto, il leader del Movimento Cinque Stelle sta chiedendo a Matteo Salvini di andare a riferire in Parlamento, una possibilità esclusa dal leader leghista non più di qualche ora fa.

Nella lettura di Di Maio, invece, è doveroso rispondere e chiarire in Parlamento, a maggior ragione se si ritiene di essere vittima di una polemica strumentale e senza alcun fondamento dal punto di vista giudiziario o politico. Poi, in aggiunta, spiega di essere del tutto favorevole a una commissione di inchiesta che però si occupi del finanziamento a tutti i partiti, da tempo oggetto di una campagna proprio del Movimento Cinque Stelle.

E, infine, rilancia i meriti del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede che, con la legge denominata “Spazzacorrotti” avrebbe garantito agli italiani maggiore trasparenza nel finanziamento ai partiti e alle associazioni.