474 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
News sul caso Daniela Santanchè

Caso Santanchè, anche Lega e Forza Italia chiedono alla ministra di riferire in Parlamento

Diversi esponenti di Forza Italia e Lega chiedono alla ministra Santanchè di spiegare quanto mostrato nell’inchiesta di Report, mentre cresce l’imbarazzo di Giorgia Meloni.
A cura di Tommaso Coluzzi
474 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

La polemica intorno al caso scoppiato sulla ministra del Turismo, Daniela Santanchè, si allarga di ora in ora. E se le opposizioni chiedono a gran voce le dimissioni dell'esponente di Fratelli d'Italia dal suo ruolo nel governo Meloni – fin qui nulla di strano – ora anche nella maggioranza impazzano i dubbi. Il primo a parlare, questa mattina, è stato il capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari: "Santanchè ha detto di essere assolutamente tranquilla, ha detto che quando sarà il momento verrà in Parlamento a spiegare le sue ragioni – ha detto a Rainews24 – aspettiamo che spieghi le sue ragioni, ma i processi non si fanno in televisione con le inchieste giornalistiche, se ci sarà qualcosa saranno altri organismi a dover intervenire non certo Report".

Molinari ha preso immediatamente le distanze dall'inchiesta giornalistica, ma ha lanciato un messaggio chiaro: la Lega si aspetta delle spiegazioni dalla ministra. Tanto che poche ore dopo ci ha pensato l'altro capogruppo del Carroccio, Massimiliano Romeo, a confermare che quella del collega non era un'uscita casuale, ma un'indicazione di partito: "Se Molinari ha fatto questo intervento avrà avuto le sue ragioni, questa è la linea che teniamo – ha detto a Un Giorno da Pecora su Rai Radio1 – Dimissioni? No, questo no, noi abbiamo sempre avuto una posizione garantista. Venendo a spiegare in Aula la questione però potrebbe chiarire ulteriormente".

Dal fronte di Forza Italia non è bastata l'acqua gettata sul fuoco dal ministro degli Esteri e leader pro tempore del partito, Antonio Tajani, che ha garantito che è "tutto a posto". Il vicepresidente della Camera, Giorgio Mulè, ha spiegato di essere d'accordo con la linea leghista, sempre a Un Giorno da Pecora: "È giusto che lei spieghi i contorni della vicenda affinché non ci siano dubbi – ha detto l'esponente forzista – è giusto che la chiarisca, in Parlamento o in tv, contribuendo a eliminare qualunque possibile velo di incertezza". Poi la parziale rettifica arrivata in serata: "Alcuni resoconti di agenzia rischiano di travisare il mio pensiero – ha affermato in una nota – Ho detto e ribadisco che non rilevo ombre e non ho motivo di dubitare della correttezza da lei rivendicata. Sarà lei, se ritiene, a precisare o intervenire nelle sedi che eventualmente riterrà opportune". E nel frattempo cresce l'imbarazzo della presidente Meloni, sia per via dell'appartenenza di Santanchè al suo partito, sia per il ruolo che ha nel governo.

474 CONDIVISIONI
64 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views