1.521 CONDIVISIONI
Coronavirus
2 Agosto 2021
07:48

Arriva il green pass obbligatorio per aerei, navi e treni: come funzionerà e come verrà controllato

In settimana il governo dovrebbe decidere sull’introduzione del green pass obbligatorio per accedere ad aerei, navi e treni a lunga percorrenza. L’obbligo di certificazione verde per i trasporti non dovrebbe riguardare autobus, metropolitane e tram: il decreto dovrebbe contenere le nuove regole ma anche la data di entrata in vigore della misura.
A cura di Stefano Rizzuti
1.521 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Il green pass verrà esteso ad aerei, navi e treni a lunga percorrenza. L’obbligo di certificazione verde per accedere anche a questi mezzi di trasporto sembra ormai cosa certa, mentre non dovrebbe essere applicato su autobus, metropolitane e tram. Il decreto dovrebbe arrivare in settimana e si dovrà capire se si deciderà di applicare l’obbligo anche per i viaggi. La cabina di regia di Palazzo Chigi dovrebbe essere convocata tra martedì e mercoledì. Dal 6 agosto, intanto, scatta l’obbligo per le attività al chiuso, a partire da bar e ristoranti per la consumazione al tavolo. Succederà lo stesso, ma non si sa ancora da quando, anche per aerei, navi e treni.

Quando arriverà il green pass per i trasporti

In settimana si discuterà anche della ripresa della scuola a settembre: mercoledì dovrebbe essere presentato alle Regioni il piano scuola predisposto dal ministero dell’Istruzione. L’obiettivo è ritornare in presenza, con distanziamento e mascherine, ma puntando su una forte adesione alla campagna vaccinale sia dei docenti che degli studenti. Sul green pass, invece, il nodo da sciogliere è quello della data: la Lega vorrebbe far slittare l’obbligo per i mezzi di trasporto a fine agosto, ma il governo deciderà sulla base della situazione epidemiologica, valutando l’aumento di contagi e ricoveri. Non è quindi ancora stata decisa la data di entrata in vigore dell’obbligo di certificazione verde per aerei, navi e treni.

Il green pass per aerei, navi e treni

Nel decreto verrà stabilito che si potrà salire su aerei, navi e treni solamente se si sarà in possesso del certificato, che viene rilascio in tre casi: ricezione della prima dose del vaccino anti-Covid da almeno 15 giorni, guarigione dal Coronavirus negli ultimi sei mesi, esito negativo di un tampone nelle 48 ore precedenti. A verificare il possesso del green sarà il personale, che chiederà la certificazione al momento di salire a bordo, così come avviene per documenti di identità e di imbarco. In caso di presentazione di un certificato contraffatto si va incontro a una multa e a una denuncia. Il certificato servirà anche come strumento di tracciamento in caso di positività dei passeggeri.

Per ora niente green pass per il trasporto locale

La difficoltà nell’effettuare i controlli sembra invece rinviare la discussione sull’obbligo di green pass per salire anche sui mezzi del trasporto pubblico locale, come bus, metropolitane e tram. Intanto, però, il governo ha chiesto alle Regioni di presentare un piano per il potenziamento dei mezzi del trasporto pubblico locale, soprattutto in vista della ripresa della scuola a settembre. Il comitato tecnico-scientifico ha ribadito che una capienza all’80% per i mezzi pubblici non è sufficiente per garantire il distanziamento, almeno su bus e metro. Motivo per cui servono più corse.

1.521 CONDIVISIONI
27104 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni