1.827 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: ieri
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61394 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: ieri
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
18 Settembre 2022
15:45

A Pontida Salvini imita Berlusconi e il “contratto” con gli italiani: “Ecco le 6 priorità della Lega”

A Pontida Matteo Salvini ha fatto firmare a ministri e governatori i sei punti programmatici prioritari. E sui fondi russi: “Non abbiamo mai chiesto né preso niente”.
A cura di Davide Falcioni
1.827 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Sono trascorsi 21 anni da quando – l'8 maggio 2001 – Silvio Berlusconi firmò il "contratto con gli italiani" nel corso della trasmissione televisiva Porta a Porta.

Qualcosa di abbastanza simile è andato in scena oggi a Pontida, in occasione del tradizionale raduno della Lega. Davanti a migliaia di simpatizzanti – e a favore di telecamere – il segretario Matteo Salvini ha fatto firmare a ministri e governatori i sei punti programmatici prioritari. "Per smentire tutte le chiacchiere, le invidie, le gelosie e le parole al vento, perché rimanga scritto l'impegno a prendere per mano questo Paese. Scripta manent".

Quali sono le sei priorità della Lega

L'ex ministro degli interni ha quindi elencato le priorità del Carroccio: "Stop al caro bollette, riforma dell'autonomia, flat tax e pace fiscale, quota 41 per le pensioni, il ripristino dei decreti sicurezza, una giustizia giusta. Questo è il sacro impegno della Lega a cambiare la nostra grande Italia", ha aggiunto il segretario nel suo intervento sul palco di Pontida.

"Intervenire contro il caro bollette", ha spiegato Salvini, "non è capriccio della Lega, ma un sacrosanto dovere del governo in carica e l'Europa, se c'è, batta un colpo". Il leader leghista ha assicurato che su questo punto nel centrodestra c'è assoluta convergenza: "Io, Giorgia e Silvio siamo d'accordo su quasi tutto e per 5 anni governeremo bene e insieme. Promesso, niente scherzi né cambi di casacca e di programma. Quello che c'è nel programma è sacro e lo portiamo fino in fondo. Le lasciamo agli altri le divisioni", ha detto Salvini, replicando poi alle dichiarazioni di Enrico Letta che ha paragonato Pontida all'Ungheria: "Quelli di sinistra hanno una passione per la geografia, oggi è l'Ungheria, ieri la Russia, o la Finlandia. Sull'Ungheria io rispetto le scelte democratiche di tutti, Orban qualcuno la fa giusta, qualcuna la sbaglia".

Fondi russi, Salvini: "Mai chiesto e preso niente"

In merito alla polemica degli ultimi giorni sui presunti finanziamenti russi a partiti politici italiani il segretario del Caroccio ha garantito che la Lega è estranea ai fatti: "Hanno parlato per 15 giorni di Russia, di fondi russi. Zero. Non abbiamo mai chiesto né preso niente. Siamo soltanto italiani e chiediamo solo il lavoro e il rispetto per gli italiani", ha detto Salvini, dicendosi anche convinto – in riferimento alla guerra in Ucraina – che "se ci fosse stato Trump invece che Biden, io credo che le cose sarebbero andate diversamente".

1.827 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni