Coronavirus
28 Luglio 2021
16:07

Si svuota il Covid Center di Avellino. Merito dei vaccini. I medici: “Non abbassate la guardia”

Si svuota il Covid Hospital dell’Azienda ‘Moscati’: solo tre i pazienti positivi, ricoverati in Malattie Infettive. Il direttore generale dell’Azienda ospedaliera, Renato Pizzuti: “La speranza di tutti è che la chiusura del Covid Hospital sia definitiva. Molto dipenderà dal senso di responsabilità dei cittadini, chiamati ad aderire alla campagna vaccinale”.
A cura di Redazione Napoli
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

La situazione Covid ad Avellino non è dissimile da quella del resto della Campania: i nuovi contagiati sono costanti (il numero è basso), sono sempre meno quelli che devono far ricorso alle cure mediche, merito del vaccino anti-Covid19 che riduce di molto le ospedalizzazioni e la mortalità causate dal virus. Oggi il Covid Hospital dell’Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino torna a svuotarsi. Gli ultimi due pazienti ricoverati nella terapia intensiva dell’ex palazzina Alpi sono infatti risultati negativi al nuovo Coronavirus e uno è stato trasferito nell’Unità operativa di Anestesia e Rianimazione della Città ospedaliera, mentre l’altro, estubato, è stato accolto nell’Unità operativa di Medicina Interna. Rimangono solo tre pazienti positivi, tutti ricoverati nell’area Covid dell’Unità operativa di Malattie Infettive.

Come avvenuto circa un anno fa, la sospensione delle attività all’interno del Covid Hospital – spiega una nota dell'azienda – consentirà di ottimizzare l’impiego del personale sanitario, che, oltre a poter fruire di un necessario periodo di ferie, fornirà supporto all’interno degli ambulatori e dei reparti, contribuendo a dare un’accelerata al piano di recupero delle liste di attesa messo a punto dal management aziendale.

Il Direttore Generale dell’Azienda “Moscati”, Renato Pizzuti, spiega:

La speranza di tutti è che la chiusura del Covid Hospital sia definitiva. Se non dovesse essere così, l’Azienda ha già predisposto tutte le procedure per una sua immediata riattivazione. Molto dipenderà dal senso di responsabilità dei cittadini, chiamati ad aderire alla campagna vaccinale senza remore e a continuare ad adottare tutte le misure di sicurezza. Nonostante i dati sul numero di persone vaccinate e ospedalizzate siano confortanti, non bisogna abbassare la guardia.

Deve rimanere vivo in tutti noi, per guidarci nelle scelte e nei comportamenti, il ricordo delle vittime del Covid e dei tanti sacrifici ai quali è stato sottoposto il personale sanitario.

27046 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni