Slitta di una settimana, all'11 gennaio, invece del 7, il rientro in classe per le prime e le seconde elementari, e per le scuole dell'infanzia in Campania, per la didattica in presenza. Lo ha deciso l'Unità di Crisi per l'emergenza Covid19 della Regione Campania che si è riunita oggi, attorno alle 12, per un'analisi dettagliata dei dati epidemiologici in relazione alla possibilità di un ritorno in presenza a scuola al termine delle vacanze natalizie. Per le scuole medie e superiori ripresa rinviata a fine gennaio, con una riunione già fissata per il 25 gennaio. Mentre le altre classi delle scuole elementari (terza, quarta e quinta), potrebbero rientrare a partire dal 18 gennaio, previa nuova riunione in Regione.

Domani l'ordinanza di De Luca sul rientro a scuola

Si attende per domani, intanto, l'ordinanza del Governatore Vincenzo De Luca sul rientro in classe, per la didattica in presenza, in Campania. La Regione aveva già annunciato negli scorsi giorni un rientro graduale, per evitare assembramenti in funzione anti-Covid. Le prime e seconde elementari sarebbero dovute rientrare giovedì 7 gennaio, ma alla luce dei nuovi dati sull'andamento della pandemia, che hanno registrato un aumento dei contagi negli ultimi giorni, si è deciso di rinviare l'apertura delle scuole di qualche giorno.

Così è stato deciso che le scuole in Campania riapriranno lunedì 11 gennaio 2020. In tale data potranno tornare in classe gli alunni della scuola dell'infanzia e delle prime due classi della scuola primaria, esattamente com'era prima della chiusura delle scuole per la pausa natalizia. A partire dal 18 gennaio sarà valutata dal punto di vista epidemiologico generale, la possibilità del ritorno in presenza per l'intera scuola primaria, e successivamente, dal 25 gennaio, per la secondaria di primo e secondo grado.