Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Prima ha cominciato a dare fastidio ad alcuni ragazzi incrociati per caso, insultandoli e minacciando di aggredirli, poi se l'è presa anche coi carabinieri intervenuti per calmarlo, scagliandosi contro di loro e sputando. Bloccato, dovrà rispondere di resistenza a pubblico ufficiale un 47enne di Portici, in provincia di Napoli; l'uomo è stato arrestato in attesa del processo per direttissima. L'episodio è avvenuto nel pomeriggio di ieri, 14 settembre, nella zona del Granatello.

I carabinieri della stazione di Portici sono intervenuti dopo la segnalazione di due giovani che erano stati presi di mira da uno sconosciuto mentre erano nella zona del porto. Palesemente ubriaco, l'uomo si era avvicinato a loro e, senza alcun motivo, aveva preso a infastidirli e a offenderli, poi era passato alle minacce. I ragazzi avevano in un primo momento provato a farlo desistere ma, temendo di venire aggrediti, avevano chiesto aiuto alle forze dell'ordine.

Ma nemmeno con l'arrivo dei carabinieri la situazione era migliorata. Anzi. I militari si sono resi conto delle sue condizioni e hanno tentato di calmarlo, di farlo ragionare, ma nel vederli l'uomo ha perso il controllo, ha tentato di colpire i ragazzi e, quando è stato bloccato, si è scagliato anche contro i militari, minacciandoli e iniziando a sputare verso di loro. La situazione è tornata sotto controllo solo quando, non senza difficoltà, i carabinieri lo hanno finalmente immobilizzato e accompagnato in caserma. Per lui è scattato l'arresto con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale, di cui dovrà rispondere durante il processo per direttissima.