Giovanni Battiloro, Andrea Bertonati, Antonio Stanzione e Gerardo Esposito: sono i nomi dei quattro ragazzi di Torre del Greco, nella provincia di Napoli, morti nel crollo del Ponte Morandi di Genova, avvenuto il 14 agosto del 2018 (in totale, furono 43 le vittime). A due anni esatti dalla tragedia, Torre del Greco ha voluto rendere omaggio ai suoi figli deceduti con una commemorazione che si è tenuta questa mattina in corso Garibaldi, dove sorge una targa in ricordo dei quattro ragazzi e dove alle 11.36, ora del crollo del Ponte Morandi, è stata deposta una corona di fiori. Voluta dall'associazione Sviluppo Area Porto di Torre del Greco, alla commemorazione è intervenuto il sindaco Giovanni Palomba, e il parroco della chiesa della Madonna di Porto Salvo, Don Daniele Izzo, che ha rivolto una benedizione a tutti i presenti.

Il sindaco Palomba: "Torre del Greco non dimentica i suoi 4 angeli"

Il primo cittadino torrese, presente come detto alla commemorazione, ha dichiarato: "La nostra città a dimostrarsi una comunità salda e compatta intorno ai propri valori; gli stessi che non ha mai smarrito e sui quali ha, invece, fondato la propria identità. Sono qui, stamattina, insieme ad altri esponenti istituzionali per stringerci, come una sola grande famiglia, intorno al dolore dei genitori di quei ragazzi che, con profonda sofferenza, ma anche con fermo decoro attendono gli esiti della Giustizia per avere il conforto della verità. A loro, e agli amici tutti di Antonio, Gerardo, Giovanni e Matteo, la vicinanza e la solidarietà dell’intera Amministrazione comunale. Torre del Greco non dimentica i suoi quattro angeli. Antonio, Gerardo, Giovanni e Matteo continuano a vivere nel nostro cuore e nel cuore del popolo torrese".