Un uomo privo di vita all'interno dei bagni del pronto soccorso dell'ospedale Cardarelli. Qualcuno che ha girato un video nel momento concitato in cui il personale sanitario era intento a recuperare una lettiga su cui adagiare il corpo. Una vicenda che ora chiede chiarezza, sia su cause e dinamiche del decesso dell'uomo, sia su chi abbia ripreso e diffuso in Rete il video che lo ritrae privo di vita.

L'uomo era un sospetto casi di coronavirus

Secondo quanto accertato finora, l'uomo si trovava nel pronto soccorso dell'ospedale Antonio Cardarelli perché sospetto di essere positivo al coronavirus, quando si è allontanato per recarsi in bagno. Trascorso del tempo, i sanitari si sono insospettiti e sono andati a controllare, trovandolo privo di vita. Con ogni probabilità potrebbe trattarsi di un malore, che non gli ha lasciato scampo, ma ora si indaga per accertare le effettive cause del decesso. "Non è al momento possibile stabilire quale sia stata la causa del malore che ha portato al decesso", ha spiegato l'ospedale.

Polemiche per il video diffuso in Rete

Poco dopo il ritrovamento del corpo, qualcuno ha però ripreso il tutto e lo ha messo su internet, causando un'ondata di indignazione popolare. Il video sarebbe stato girato negli istanti in cui il personale sanitario era andato a prendere una lettiga su cui adagiare il corpo, attualmente è in corso di identificazione. "Alla famiglia dell'uomo vanno le condoglianze della direzione strategica e di tutto il personale che si spende ogni giorno per porre un argine alla violenza di questa pandemia", ha fatto sapere la direzione generale.

La direzione: "Deprecabile aver girato e diffuso un simile video"

Dura la reazione di Giuseppe Longo, direttore generale dell'ospedale Antonio Cardarelli, che attacca duramente la diffusione del video in rete, definendo "deprecabile che eventi simili siano oggetto di strumentalizzazioni tese a costruire terribili e pericolose suggestioni nell'opinione pubblica". Il direttore generale ha anche spiegato di aver avviato un'indagine interna, "tesa ad accertare chi e in che modo abbia girato e diffuso il video", per poi rassicurare che "a tutti i pazienti dell'area sospetti, al pari di tutte le altre aree, viene sempre garantita continua assistenza da parte del personale sanitario in servizio".

Di Maio: "Inaccettabile, agiremo come Governo"

Durissimo il ministro degli Esteri Luigi Di Maio (Movimento Cinque Stelle), che in serata ha parlato del video, definendolo scioccante. "Siamo di fronte a fatti drammatici e inaccettabili, episodi che ci spingono ad agire come Governo centrale, perché non c’è più tempo. A Napoli e in molte aree della Campania la situazione è infatti fuori controllo", ha spiegato Di Maio, "Il paziente trovato morto accasciato nel bagno all’ospedale Cardarelli è la più cruda e violenta di numerose testimonianze che mi giungono ogni giorno dagli ospedali campani". Di Maio ha anche assicurato che lo Stato interverrà energicamente, perché "la vita e il diritto alla salute di ogni singolo cittadino sono delle priorità che vanno tutelate sopra ogni cosa".