Tre giovani, tra cui anche un minorenne, sono stati denunciati dalla Polizia di Stato per aver insultato alcuni agenti impegnati in strada nei controlli anti-Covid. Nella serata di ieri, gli agenti dell'Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli e quelli del commissariato San Ferdinando, sono intervenuti al Borgo Marinari, sul lungomare, dove alcune persone stavano esplodendo dei fuochi pirotecnici. Lì, gli agenti hanno sorpreso 15 persone, che sono state tutte multate per inottemperanza alle misure anti-contagio, dal momento che si trovavano all'esterno del proprio domicilio al di fuori dell'orario consentito dal coprifuoco.

Mentre erano impegnati nelle contravvenzioni, gli agenti sono stati avvicinati da tre persone a bordo di un'automobile, che hanno cominciato ad insultarli e ad inveire contro di loro, per poi darsi alla fuga. Gli agenti si sono lanciati al loro inseguimento, durante il quale il conducente dell'automobile si è cimentato in manovre pericolose, riuscendo a bloccare i tre poco dopo, per fortuna senza conseguenze per nessuno, in via Acton. Gli occupanti della vettura, J.G.R, 23 anni, A.L.M., 26 anni – entrambi con precedenti di polizia – e un minorenne, un ragazzo di 16 anni, sono stati denunciati alla competente Autorità Giudiziaria per oltraggio a Pubblico Ufficiale, mentre il 23enne è stato denunciato anche per resistenza a Pubblico Ufficiale e sanzionato per le violazioni al Codice della Strada, per non essersi fermato all'alt e per eccesso di velocità. Tutti e tre, infine, sono stati sanzionati per inottemperanza alle misure anti-contagio.