972 CONDIVISIONI
Covid 19
25 Gennaio 2022
14:00

Muore di Covid il dottor Ettore Volpe, storico primario di Ematologia al Moscati di Avellino

Muore di Covid ad 85 anni Ettore Volpe, fondatore e primario del reparto di Ematologia dell’ospedale Moscati di Avellino. “Era sempre dalla parte dei pazienti”
A cura di Giuseppe Cozzolino
972 CONDIVISIONI
Ettore Volpe, storico primario di ematologia al Moscati di Avellino.
Ettore Volpe, storico primario di ematologia al Moscati di Avellino.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Ancora una vittima del Covid in Irpinia: è morto ad 85 anni il dottor Ettore Volpe, storico primario e fondatore del reparto di ematologia all'ospedale San Giuseppe Moscati di Avellino. Volpe era ricoverato dallo scorso 13 gennaio in terapia subintensiva, dopo aver contratto il virus: nei giorni scorsi si era aggravato ed il 21 gennaio era finito in terapia intensiva. Nelle scorse ore, il dottor Volpe non ce l'ha fatta ed è spirato al Covid Centre del Moscati di Avellino. Conosciutissimo in città, era stato tra i pionieri dell'ematologia in tutta l'Irpinia. In passato aveva lavorato anche all'ospedale San Gennaro di Napoli, che aveva lasciato dopo una lunga carriera proprio per approdare al Moscati, fondando e dirigendo il reparto di ematologia.

"Tutta Ail vsi stringe al dolore dei parenti più cari e dei suoi amici": così il ricordo dell'Associazione Italiana contro le Leucemie-linfomi e mieloma Onlus, che ha poi sottolineato come il dottor Volpe "nel 1987 è stato anche fondatore della Sezione AIL Avellino e dal 2019 è stato eletto Presidente e referente scientifico. Sempre dalla parte dei pazienti e della “sua gente” come amava ripetere. Il suo enorme impegno ci lascia ad Avellino una grande una realtà consolidata nel campo della ricerca sui tumori del sangue e dell’assistenza ai pazienti e i loro familiari". Anche Giuseppe Rosato, manager dell'Azienda Ospedaliera Moscati che gestisce proprio il San Giuseppe Moscati di Avellino, lo ha voluto ricordare aggiungendo che si tratta di "un brutto giorno per tutta l’Irpinia. Era un grande professionista, ma anche un uomo di grande umanità e sensibilità".

972 CONDIVISIONI
31294 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni