288 CONDIVISIONI
Incidente mini-bus a Capri, un morto e feriti
30 Luglio 2021
14:23

Martedì 3 agosto i funerali di Emanuele, l’autista di bus morto nell’incidente a Capri

Effettuati gli accertamenti sulla salma, martedì l’estremo saluto ad Emanuele Melillo, il giovane autista di autobus morto nell’incidente stradale avvenuto a Marina Grande di Capri che ha provocato anche 23 feriti.
A cura di Redazione Napoli
288 CONDIVISIONI
Emanuele Melillo
Emanuele Melillo
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Incidente mini-bus a Capri, un morto e feriti

Si terranno martedì 3 agosto, nella Chiesa di San Lorenzo in Piazza San Gaetano, a Napoli, alle ore 16, i funerali di Emanuele Melillo, l'autista 32enne deceduto lo scorso 22 luglio nel grave incidente stradale avvenuto a Marina Grande di Capri che ha provocato anche 23 feriti.

Ieri il sostituto procuratore di Napoli Giuseppe Tittaferrante, responsabile delle indagini sulla ha dato il via libera alla sepoltura. Oggi, intanto, nella clinica Pineta Grande di Castel Volturno (Caserta), saranno eseguiti gli ultimi esami post autopsia sui reperti istologici (muscolo cardiaco ed encefalo) prelevati dalla vittima nel corso dell'autopsia.

A Fanpage.it Marco, fratello di Emanuele, straziato dal dolore, aveva raccontato i suoi sacrifici per un posto di lavoro, seppur precario:

Emanuele era un gradissimo lavoratore, amava questo lavoro. Ha lottato per averlo. Tutte le mattine prendeva l'aliscafo per andare a Capri. Era fiero e orgoglioso di fare questo lavoro, lo faceva con dignità. Tutte le mattine partiva alle 6 del mattino. Quante volte è rimasto bloccato a Capri per il maltempo, dormiva nell'autorimessa. Un ragazzo d'oro, pieno di valori, era volontario della Croce Rossa, ha sempre lavorato. E in questa zona è molto più semplice delinquere che scegliere di lavorare. Aveva avuto anche i gradi di tenente della Croce Rossa, voleva partire per le missioni. Ma non ha avuto il tempo.

288 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni