Juventus-Napoli si giocherà, e agli Azzurri è stato anche restituito il punto di penalità inflitto assieme all'ora 3-0 a tavolino, dopo che la squadra non si era presentata a Torino perché bloccata dall'ASL di Napoli dopo aver riscontrato due casi di positività nella squadra azzurra (Elmas e Zielinski). Una sentenza, quella del Collegio di Garanzia del Coni, che ha fatto esultare tutti i tifosi della società partenopea, ma anche il mondo della politica. Dal sindaco di Napoli al presidente della Campania, tutti hanno espresso "piena soddisfazione" per l'esito del ricorso presentato dalla società partenopea.

"Il Collegio di Garanzia del Coni ha accolto il ricorso del Napoli contro le decisioni prese nelle scorse settimane a danno della società e della squadra", ha commentato Vincenzo De Luca, presidente della regione Campania, poco dopo l'esito della sentenza, "l'accoglimento del ricorso ripristina giustizia e correttezza. Si riconoscono come valide e irrinunciabili le ragioni di tutela della salute espresse dalle decisioni delle Asl di Napoli, e soprattutto si ripristinano i valori della lealtà sportiva, clamorosamente violati dalle precedenti sentenze. Non si può non esprimere una piena e grande soddisfazione e l'apprezzamento per la decisione del Coni", ha concluso De Luca.

Lapidario ma non meno contento anche Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, che su Twitter ha scritto: "Accolto il ricorso del Napoli contro la ingiusta vittoria a tavolino a favore della Juve. Ora si gioca a calcio e si va a vincere sul campo. È fatta giustizia. Forza Napoli sempre!", il commento del primo cittadino. Entrambi si erano già espressi duramente sulle decisioni della giustizia sportiva, che aveva inflitto dopo la partita il 3-0 a tavolino a favore della Juventus ed un punto di penalità al Napoli.