Il cardinale Crescenzio Sepe, negativo al tampone anti-Covid, questa mattina ha lasciato l’Ospedale Cotugno di Napoli ed è andato nella sua nuova abitazione diocesana di Capodimonte, a pochi passi dalla Basilica del Buon Consiglio, lì dove è tradizione che tutti gli ex vescovi partenopei soggiornino una volta concluso l'incarico pastorale.

Il cardinale era stato ricoverato lo scorso 23 gennaio: risultato positivo nei giorni precedenti, seppur in forma lieve e pressoché asintomatica, si era via via aggravato e i medici avevano disposto  il ricovero nella struttura napoletana, da sempre punto di riferimento contro le malattie infettive ed ormai da un anno in trincea contro la pandemia di Coronavirus.

Le sue condizioni erano considerate preoccupanti: Sepe era ricoverato nel reparto ordinario e non in intensiva e sottoposto ad una tac ai polmoni. Il cardinale è tenuto costantemente sotto osservazione data l'avanzata età (78 anni il prossimo giugno) e per ovvie ragioni di prudenza.

Ora Sepe dovrà osservare un periodo di convalescenza, per cui non potrà partecipare alla Celebrazione per l’ingresso in Diocesi del nuovo Arcivescovo di Napoli monsignor Domenico Battaglia, che si terrà in Cattedrale alle ore 17 di martedì 2 febbraio 2021.