Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris si è messo in autoisolamento fiduciario dopo essere entrato in contatto con una persona positiva al Coronavirus. Stando alle prime informazioni, il primo cittadino di Napoli è venuto a conoscenza della positività del soggetto con il quale è entrato in contatto nel primo pomeriggio di oggi e ha subito deciso di osservare l'isolamento domiciliare, come richiede la prassi di contenimento del Coronavirus.

Da quanto si apprende, la persona positiva non rientra nella cerchia familiare né lavorativa del primo cittadino partenopeo, non si tratta quindi di una persona della famiglia né di un dipendente comunale: nelle prossime ore il sindaco di Napoli si sottoporrà a tampone per accertare una sua eventuale positività al Sars-CoV2.

Luigi  De Magistris è comparso in pubblico ieri, quando ha partecipato di persona alla riattivazione di due linee cittadine del tram: la linea 2 (San Giovanni-Piazza Nazionale) e la linea 4 (Corso San Giovanni-via Cristoforo Colombo). "Con la riattivazione delle due linee da oggi l’esercizio prevede su Linea 1 (Piazza Municipio-Poggioreale) 6 tram Sirio con frequenza ogni 12 minuti, su Linea 4 (S.Giovanni-Piazza Municipio) 4 tram Sirio con frequenza ogni 15 minuti, su Linea 2 (San Giovanni-piazza Nazionale) 2 tram CTK con frequenza ogni 25 minuti" ha scritto ieri il primo cittadino partenopeo. "In totale, al momento, considerando il servizio ridotto per il covid19, saranno impiegati 10 Sirio e 2 Ctk su una flotta complessiva di 35 tram a disposizione di Anm. I programmi di esercizio verranno poi aggiornati seguendo le direttive del Governo e della Regione Campania. Al momento è ancora in vigore la riduzione prevista fino al 10 gennaio".