222 CONDIVISIONI
Covid 19
30 Settembre 2021
19:51

Covid, in Campania prorogato l’obbligo di mascherine all’aperto: l’ordinanza di De Luca

È ufficiale: con l’ordinanza numero 25 del 30 settembre 2021, il governatore Vincenzo De Luca ha prorogato l’obbligo di indossare le mascherine in Campania anche all’aperto. Con l’ordinanza, il governatore campano proroga anche il divieto di asporto di bevande alcoliche dalle ore 22 alle ore 6 del giorno seguente.
A cura di Valerio Papadia
222 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

In Campania bisognerà ad indossare le mascherine anti-Covid anche all'aperto: è ufficiale. Con l'ordinanza firmata oggi, la numero 25 del 30 settembre 2021, il governatore campano Vincenzo De Luca ha prorogato le misure già in vigore e ha sancito che continuerà ad essere obbligatorio, in Campania, indossare le mascherine protettive anche all'aperto. Con l'ordinanza firmata oggi, De Luca ha prorogato anche il divieto di asporto di bevande alcoliche all'aperto, nei luoghi pubblici, dalle ore 22 alle ore 6 del giorno successivo.

Mascherine ancora obbligatorie in Campania: cosa dice l'ordinanza

Ecco, nel dettaglio, cosa prevede l'ordinanza numero 25 del 30 settembre 2021 firmata dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca:

  • dalle ore 22 fino alle ore 6 è fatto divieto di consumo di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico, ivi compresi gli spazi antistanti gli esercizi commerciali, le piazze, le ville, i parchi comunali;
  • dalle ore 22 fino alle ore 6 sono comunque vietati assembramenti e affollamenti per il consumo di qualsiasi genere alimentare in luoghi pubblici o aperti al pubblico;
  • è fatta raccomandazione ai Comuni e alle altre Autorità competenti di intensificare la vigilanza e i controlli sul rispetto del divieto di assembramenti, in particolare nelle zone e negli orari della cosiddetta movida;
  • l'obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie, anche all'esterno, resta fermo, tra l'altro, in ogni situazione in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale o quando si configurino assembramenti o affollamenti. L'utilizzo dei suddetti dispositivi resta pertanto obbligatorio, sul territorio regionale, in ogni luogo non isolato, nonché nelle file, code, mercati o fiere e altri eventi, anche all'aperto, nonché nei contesti di trasporto pubblico all'aperto quali traghetti, battelli e navi.
222 CONDIVISIONI
31640 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni