Soltanto ieri, con apposita ordinanza, la numero 63 del 24 luglio 2020, la Regione Campania ha inasprito le sanzioni per chiunque venga trovato a non indossare la mascherina ove prescritto dalle precedenti ordinanze: mille euro di multa, chiusura per l'esercizio commerciale nel quale un cliente o un dipendente dovessero essere sorpresi senza mascherina. Questa mattina, con l'entrata in vigore dell'ordinanza, sono scattati i primi controlli e le prime sanzioni da mille euro: è accaduto a Salerno, dove gli agenti della Polizia Municipale, accompagnati dal sindaco Vincenzo Napoli, hanno effettuato controlli nelle strade e nei negozi della zona Est della città campana: multati i gestori di tre esercizi commerciali, per i quali adesso si valuta la chiusura. "L'ordinanza è giusta e va applicata senza sconti a nessuno" ha dichiarato il primo cittadino di Salerno.

L'ordinanza 63 del 24 luglio 2020 della Regione Campania

A fronte dell'aumento dei contagi e di alcuni focolai che sono stati registrati sul territorio, la Regione Campania, che ieri si è riunita con la task force che si occupa dell'emergenza Coronavirus, ha deciso di inasprire le restrizioni e le sanzioni per cercare di limitare la diffusione del virus. "Si invitano le forze dell’ordine e le polizie municipali a controlli rigorosi nelle situazioni di assembramento, e nelle quali, al chiuso, i cittadini non indossino la mascherina (negozi, supermercati, bar, esercizi commerciali, locali pubblici etc.)" precisa la Regione Campania. Ecco cosa dispone l'ordinanza:

  • Blocco dei mezzi pubblici (bus e treni) se a bordo vi è un passeggero privo di mascherina, che sarà multato e fatto scendere;
  • Massimo della sanzione (1.000 euro) per chiunque non indossi la mascherina ove già previsto dalle ordinanze regionali (tutti i luoghi al chiuso). Si ricorda che è obbligatorio portare con sé la mascherina;
  • I cittadini che arrivano da paesi esteri devono obbligatoriamente osservare la quarantena.