3.657 CONDIVISIONI
Coronavirus
30 Aprile 2021
15:15

La Campania resta in zona gialla Covid la prossima settimana. Negozi e ristoranti aperti. Ma i contagi preoccupano

La Campania resta zona gialla Covid. L’indice di contagio Rt è superiore a 1 ma abbiamo rischio basso e quindi non sono applicate restrizioni maggiori. Dunque restiamo nelle condizioni scattate lo scorso 26 aprile: si può consumare ai tavoli all’aperto (e solo all’aperto) al ristorante e al bar.
A cura di Ciro Pellegrino
3.657 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

La Campania resta zona gialla Covid anche per la prima settimana del mese di maggio. «A fatica siamo gialla» dice Clemente Mastella, sindaco di Benevento. E in effetti la fatica è rappresentata da un indice di contagio Rt che questa settimana (riportando dati delle due settimane precedenti) supera il valore 1 ed è 1.08 (1,05-0,81).

Perché non scatta la zona arancione di nuovo? Per il fattore "livello di rischio" che incrocia il livello di stress delle strutture sanitarie e l'incidenza (rapporto tamponi/positivi). La classificazione di rischio per la Campania è bassa e fa la differenza.

Il monitoraggio dell'Istituto superiore di Sanità dice che sono in calo il numero di casi e i focolai e che lo scenario di trasmissibilità è pari a 2, livello intermedio (quindi attenzione moderata). In Italia 3 Regioni hanno un Rt puntuale maggiore di uno. Tra queste, due ovvero Campania e Sicilia hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 2. Le altre Regioni/PPAA hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo uno.

Scenario di tipo 2 significa avere i Rt compreso tra Rt=1 e Rt=1,25 e  caratteristiche di trasmissibilità caratterizzata da una potenziale costante crescita dell’incidenza di casi e corrispondente aumento dei tassi di ospedalizzazione e dei ricoveri in terapia intensiva. La crescita del numero di casi potrebbe però essere relativamente lenta, senza comportare un rilevante sovraccarico dei servizi assistenziali per almeno 2-4 mesi.

Dunque restiamo nelle condizioni scattate lo scorso 26 aprile: si può consumare ai tavoli all’aperto (e solo all'aperto) al ristorante e al bar. Si potrà far visita ai parenti una volta al giorno in 4 persone. Alle superiori in classe dal 50 al 100 per cento degli studenti. Ripartono giochi di squadra e di contatto.

«Ma mi raccomando  prudenza – chiosa Clemente Mastella, il primo sindaco a commentare la conferma della zona gialla. -. Chi non rispetta le regole mette a repentaglio, la sua salute, quelli dei propri cari e della comunità. E poi ammazza la economia dei nostri commercianti , artigiani : insomma di quelli che a fatica stanno uscendo dal tunnel».

Poco dopo la conferma della zona gialla, nella sua settimanale diretta Facebook Vincenzo De Luca ha commentato chiedendo molta cautela nei comportamenti:

Se immaginiamo che la zona gialla è fare ricreazione ed essere irresponsabili, nel giro di due settimane diventiamo non zona arancione, ma rossa.

3.657 CONDIVISIONI
25841 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni