18 Giugno 2022
11:00

Camorra: dagli Emirati Arabi via libera all’estradizione di Raffaele Mauriello

Le autorità di Abu Dhabi hanno autorizzato l’avvio dell’iter per la consegna all’Italia di uno dei latitanti di massima pericolosità.
A cura di Redazione Napoli

Sarà eseguita presto l'estradizione di Raffaele Mauriello dagli Emirati Arabi. A darne notizia è il ministero della Giustizia in una nota precisando che le autorità di Abu Dhabi "hanno autorizzato l’avvio dell’iter per la consegna all’Italia di uno dei latitanti di massima pericolosità".

L'uomo fu arrestato negli Emirati Arabi Uniti il 16 agosto 2021 in esecuzione di due ordinanze emesse dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli per due omicidi pluriaggravati, commessi nel Napoletano, e violazione alla normativa sulle armi. Viene considerato elemento di spicco del clan Amato-Pagano e in contatto con un altro elemento apicale, Raffaele Imperiale. Il 29enne è accusato di omicidi maturati durante la Terza Faida di Scampia.

L’estradizione, viene precisato, verrà eseguita nei prossimi giorni a cura dell’Interpol. All’arrivo in Italia, sarà preso in consegna dal personale della polizia penitenziaria negli uffici della polizia di frontiera di Roma Fiumicino per essere trasportato nell’istituto di detenzione.

Conclude la nota del ministero:

L'estradizione di Mauriello segue, a breve distanza, l'espulsione verso l'Italia del narcotrafficante Raffaele Imperiale, rafforzando così il segnale di svolta nei rapporti di collaborazione tra il nostro Paese e gli Emirati Arabi Uniti.

Premio legalità
Premio legalità "19 luglio 1992", Terra Viva premia anche Fanpage.it
Prete sfida la camorra con un megafono nelle piazze di spaccio e sotto casa del boss:
Prete sfida la camorra con un megafono nelle piazze di spaccio e sotto casa del boss: "Via da qui"
Vive in strada con il compagno malato:
Vive in strada con il compagno malato: "Il Comune non mi dà una casa, forse perché sono trans?"
340.218 di Chiara Daffini
Tornata in Costiera Amalfitana per lavorare: il paradiso dei turisti è l'inferno per i lavoratori
Tornata in Costiera Amalfitana per lavorare: il paradiso dei turisti è l'inferno per i lavoratori
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni