115 CONDIVISIONI
Notizie sull'omicidio di Antonio Natale a Caivano
22 Ottobre 2021
19:18

Antonio Natale ucciso a Caivano, lunedì l’autopsia: i dubbi su cause e giorno della morte

Lunedì verrà effettuata l’autopsia sul corpo di Antonio Natale, il 22enne scomparso dal Parco Verde di Caivano (Napoli) il 4 ottobre e ritrovato senza vita 14 giorni dopo in un terreno. Dal primo esame sono emerse ferite compatibili con colpi d’arma da fuoco, ma l’esame autoptico servirà ad accertare le cause del decesso e il giorno. Sulla vicenda gli inquirenti tengono il massimo riserbo.
A cura di Nico Falco
115 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Notizie sull'omicidio di Antonio Natale a Caivano

Si terrà lunedì prossimo l'autopsia sul corpo di Antonio Natale, il 22enne di Caivano (Napoli) trovato senza vita il 18 ottobre in un terreno nei pressi di un campo rom. Il primo esame esterno aveva evidenziato la presenza di fori compatibili con colpi d'arma da fuoco, ma gli ulteriori accertamenti saranno fondamentali per avere nuovi elementi sulla morte del ragazzo, scomparso dal Parco Verde di Caivano il 4 ottobre: restano ancora da chiarire, infatti, oltre alle cause del decesso, anche il giorno e, soprattutto, le circostanze.

Il corpo era stato rinvenuto nel pomeriggio del 18 ottobre. Era in avanzato stato di decomposizione, tanto che il riconoscimento era stato effettuato grazie ai vestiti ed ai tatuaggi. Impossibile stabilire prima dell'autopsia la data del decesso, ma con tutta probabilità la morte risale a diversi giorni prima del ritrovamento, verosimilmente al giorno della scomparsa, quando del ragazzo si erano perse le tracce.

Antonio Natale scomparso da Caivano

Il pomeriggio del 4 ottobre Natale era andato a Napoli con un amico per comprare dei vestiti. In città ci era arrivato, come hanno confermato le telecamere di sorveglianza di alcuni negozi di abbigliamento. Poi, però, intorno alle 19, l'ultimo messaggio alla madre in cui le diceva di essere ancora con lo stesso amico. Da quel momento in poi, nessun contatto.

Nei giorni successivi la madre, Anna, aveva inscenato diverse proteste, dicendosi convinta, insieme agli altri due figli, che Antonio fosse stato ucciso dalla camorra e che il suo corpo fosse stato sparito; il 22enne, hanno detto i familiari, dopo essere tornato dalla Germania, dove lavorava come pizzaiolo, si era avvicinato ad alcuni pregiudicati e probabilmente era rimasto invischiato in un giro di droga con spacciatori del Parco Verde di Caivano.

La madre: "Antonio ucciso e fatto sparire dalla camorra"

La donna aveva anche fatto i nomi delle persone che frequentava e che ritiene responsabili della morte del figlio, aggiungendo che dopo la scomparsa del figlio erano spariti dalla circolazione anche loro. Alcuni degli accusati si sono presentati due sere fa ai carabinieri della tenenza di Caivano, dicendosi innocenti. Sulla vicenda indagano i militari di Castello di Cisterna, al momento nulla trapela dalle indagini e non è stato reso noto se ci sono degli iscritti nel registro degli indagati.

115 CONDIVISIONI
Arrestata per droga la famiglia di Domenico Bervicato, indagato per l'omicidio di Antonio Natale
Arrestata per droga la famiglia di Domenico Bervicato, indagato per l'omicidio di Antonio Natale
Omicidio Antonio Natale, a Caivano nasce in chiesa il comitato per combattere la camorra
Omicidio Antonio Natale, a Caivano nasce in chiesa il comitato per combattere la camorra
Arrestato spacciatore al Parco Verde: è il fratello di Bervicato, indagato per la morte di Antonio Natale
Arrestato spacciatore al Parco Verde: è il fratello di Bervicato, indagato per la morte di Antonio Natale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni