138 CONDIVISIONI
Covid 19
26 Gennaio 2022
11:18

A pagare per i finti vaccini all’Asl Napoli 1 erano sanitari e personale scolastico

A pagare per le finte somministrazioni del vaccino all’Asl Napoli 1 erano anche sanitari e personale scolastico. L’indagine ha portato a due arresti: un infermiere e un oss.
A cura di Nico Falco
138 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

C'erano anche dipendenti delle Asl, tra infermieri e Oss, e dipendenti delle scuole, tra Ata e insegnanti, tra i "clienti "di Giuliano Di Girolamo e Rosario Cirillo, i due arrestati dai carabinieri del Nas di Napoli per i vaccini somministrati per finta nell'hub della Fagianeria dell'Asl Napoli 1: nell'indagine coinvolte, al momento, una trentina di persone, accusate di avere pagato alla coppia per ottenere il Green Pass senza l'inoculazione. I fatti contestati sono molto recenti, risalgono ai mesi di novembre e dicembre 2021 e ai primi giorni di gennaio 2022

Finti vaccini all'Asl Napoli 1, arrestati infermiere e Oss

A gestire l'affare da 150 euro per ogni finta inoculazione erano, secondo i carabinieri, Di Girolamo, infermiere professionale dipendente dell'Asl Napoli 1 (in servizio al San Giovanni Bosco) e Cirillo, operatore socio sanitario. I due sono stati arrestati in esecuzione di una ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere e del divieto di espatrio emessa dal gip. I militari del Nas sono arrivati a loro dopo una soffiata: c'era qualcuno che, nell'hub della Fagianeria del Museo di Capodimonte di Napoli, somministrava vaccini per finta in cambio di denaro.

Il meccanismo era semplice: l'utente veniva "preparato" ma l'inoculazione era soltanto simulata, in realtà il farmaco finiva soltanto sul batuffolo di cotone, senza iniezione. In questo modo all'Asl non risultavano discrepanze: anche alle dosi somministrate per finta corrispondevano boccette vuote e siringhe utilizzate. I carabinieri hanno quindi piazzato delle telecamere, riuscendo così a individuare i due responsabili e a recuperare gli elementi che hanno poi portato alle manette.

Finti vaccini all'hub Fagianeria, tra gli indagati personale scolastico e sanitario

I carabinieri hanno accertato trenta casi di false somministrazioni, per le quali gli utenti erano chiaramente a conoscenza del fatto che non avrebbero ricevuto il vaccino ma che sarebbe stato emesso il Green Pass. I cittadini venivano reclutati da Cirillo e indirizzati a De Girolamo, che si occupava della finta somministrazione. Sono tutti indagati. Quattordici di loro appartengono a categorie di lavoratori per le quali è previsto l’obbligo di vaccinazione: personale scolastico, come insegnanti e assistenti tecnico amministrativi, qualche dipendente comunale e persino dipendenti sanitari anche loro in servizio nell'Asl.

Per gli indagati si prospetta la denuncia e non si esclude che il personale sanitario coinvolto possa andare incontro al licenziamento. Dalle indagini è emerso che l'Asl non era coinvolta, motivo per cui è verosimile che si costituirà parte lesa nel futuro processo.

138 CONDIVISIONI
31057 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni