A Napoli partono le vaccinazioni ai circa 80 professori e maestri dei bimbi ricoverati in ospedale. Si tratta di un passo indispensabile per poter far ripartire le lezioni in presenza anche per gli studenti che si trovano nelle strutture ospedaliere, dove sono presenti delle sezioni distaccate delle scuole. In Campania, infatti, le lezioni in presenza negli ospedali sono bloccate dall’inizio della pandemia del Coronavirus, dal marzo dello scorso anno, e al momento anche i bimbi delle prime tre classi elementari, per i quali è stato autorizzato il rientro in aula, non possono studiare, visto che non è prevista la didattica a distanza alternativa.

Monaldi, Santobono e i Policlinici: ok a vaccinare i prof

La situazione però sta per cambiare, perché delle 10 strutture ospedaliere cittadine che hanno sezioni scolastiche, 4 hanno firmato delle convenzioni per la ripresa delle lezioni. Si tratta dell’Ospedale dei Colli, ex Monaldi, del Santobono-Pausilipon, del Policlinico Nuovo della Federico II e del Vecchio Policlinico dell’Università Vanvitelli. “Abbiamo ricevuto rassicurazioni – spiega Chiara Guida, presidente della commissione comunale Scuola – che dalla prossima settimana i circa 80 professori che fanno lezione negli ospedali potranno cominciare a fare le vaccinazioni Covid19, nella stessa fase della campagna vaccinale riservata al personale sanitario”. Al Monaldi i docenti saranno chiamati a fare il tampone e da questa settimana saranno chiamati per le vaccinazioni. Anche nel Santobono-Pausilipon e nei due Policlinici i professori sono stati inseriti nel piano vaccinale.

“In attesa che si confermi la notizia secondo la quale la riapertura sarebbe alle porte – ricorda Chiara Guida – si registra invece l'assicurazione che le prossime vaccinazioni riguarderanno proprio le insegnanti impegnate nelle scuole in ospedale. Uno spiraglio positivo, che apre alla speranza del vaccino anche per gli altri docenti e per il personale non docente impegnati nelle scuole campane”. Il tema è stato al centro di una riunione della commissione Scuola, con le docenti Lucia Pisani e Luciana Liguori.

Tutte le scuole interessate hanno presentato ai direttori sanitari dei dieci nosocomi interessati le convenzioni da siglare. Quattro, finora, quelle già firmate, che attendono ora il via libera dell'Ufficio scolastico regionale per dare inizio alle lezioni, con un sollecito alle direzioni sanitarie che non hanno ancora dato il via libera. Aggiornamenti positivi invece sul fronte vaccinazioni: i docenti impegnati in "Scuole in Ospedali" saranno vaccinati nei prossimi giorni. “Il rischio di ritardi – aggiunge Guida – è il peggioramento dei fenomeni della dispersione e del disagio scolastico, con la crescita del senso di abbandono tra gli studenti delle scuole in ospedale; una platea debole che richiederebbe invece, in questo momento di emergenza, un supporto maggiore rispetto al resto degli studenti”.

Tutte le scuole in ospedale a Napoli

Ma quali sono le sezioni scolastiche degli ospedali di Napoli? Al Primo Policlinico “Vanvitelli” sono presenti sezioni di scuola d’infanzia, elementare, che fanno riferimento al DD 17 Circolo Angiulli, una di medie dell’Ic D’Aosta-Scura e una di superiori del Liceo Classico GB Vico. Al Santobono-Pausilipon ci sono sezioni di infanzia e primaria che si appoggiano al CD Luigi Vanvitelli, le medie all’SMS Viale delle Acacie, al Pausilipon infanzia e primaria (IC Raffaele Viviani), medie (IC Domenico Cimarosa) e superiori (IIS Caselli-De Sanctis). Al Secondo Policlinico AOU Federico II, sono presenti sezioni di infanzia e primaria (IC 28 Giovanni XXIII-Aliotta), medie (IC Ferdinando Russo), Superiori (Liceo Scientifico Giuseppe Mercalli), al Monaldi infanzia, primaria e medie (IC Nazareth Musto), al Presidio Ospedaliero SS Annunziata infanzia e primaria (Ic Bovio-Colletta). All’Ospedale San Paolo infanzia e primaria(IC Michelangelo Augusto) e medie 3 (IC 41 Console).