856 CONDIVISIONI
Covid 19
25 Novembre 2021
19:05

Vaccino Covid dai 5 agli 11 anni: quanti sono i bambini che ne hanno diritto in Lombardia

L’Ema ha dato il via libera per il vaccino anti-Covid Pfizer-BioNtech per i bambini dai 5 agli 11 anni. Quanti sono i bambini in questa fascia d’età in Lombardia?
A cura di Simona Buscaglia
856 CONDIVISIONI
Fonte foto LaPresse
Fonte foto LaPresse
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Oggi è stato dato il via libera dell’Ema (Agenzia europea del farmaco) al vaccino anti Covid Pfizer-BioNtech per i bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni. In Italia le somministrazioni dovrebbero cominciare a dicembre.

Quanti bambini rientrano nella fascia d'età in Lombardia?

In Lombardia nella fascia 5-11 anni si contano, tra la popolazione residente al primo gennaio 2021, quasi 645 mila persone, oltre 312mila femmine e quasi 332mila maschi. La fascia con i bimbi più piccoli, quelli che hanno quindi cinque anni, in Lombardia è composta da oltre 85mila, in quella più grande invece, ovvero quelli che ne hanno undici, sono oltre 98mila. Intanto, i dati di contagi nelle scuole lombarde sono quasi triplicati rispetto all'ultimo monitoraggio diffuso dalla direzione Welfare: sono infatti 15.305 gli alunni in quarantena e 1.150 gli operatori in isolamento. La fascia che ha registrato il minor numero di isolamenti è quella nella fascia d’età 14-18 anni, che è quella soggetta infatti alla vaccinazione anti Covid-19.

Come sarà la somministrazione del vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni

"In questa popolazione, la dose di vaccino Comirnaty sarà inferiore a quella utilizzata nelle persone di età pari o superiore a 12 anni  (10 µg rispetto a 30 µg)" hanno spiegato da Ema. I test che sono stati fatti hanno dimostrato un'efficacia del 90,7 per cento nel prevenire i sintomi della covid-19. Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ha sottolineato che la necessità di vaccinare i bambini riguarda il fatto che "se si ammalano c'è un rischio che abbiano complicanze anche gravi. E bisogna parlare del Long Covid, perché forse il 40enne non va in terapia intensiva ma così come nei bambini dopo ci possono essere dei disturbi che durano a lungo, perché il virus attacca più organi".

856 CONDIVISIONI
28265 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni