Ora è ufficiale. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l'ordinanza con cui a partire da lunedì 14 giugno in Lombardia verrà istituita la zona bianca. Il passaggio nella fascia a minori restrizioni possibili era già stato annunciato nella giornata di ieri, giovedì 10 giugno, dal presidente della Regione Attilio Fontana. Secondo il governatore, la zona bianca è il giusto riconoscimento del lavoro e dei sacrifici fatti dai lombardi durante tutto l'ultimo anno e mezzo di pandemia. Da lunedì 14 giugno, quindi, in Lombardia cambieranno ancora le regole. Su tutte, verrà abolito il coprifuoco e gli spostamenti torneranno definitivamente liberi a tutte le ore. Ecco di seguito cosa si potrà fare in Lombardia.

Le nuove regole in Lombardia zona bianca

Con l'addio al coprifuoco i locali, bar, ristoranti, pub, gelaterie, ecc, potranno restare aperti senza limiti di orario. Al loro interno i clienti potranno sedersi per un massimo di sei persone intorno allo stesso tavolo, mentre sono abolite tutte le restrizioni per i tavoli posti all'esterno. I negozi potranno aprire e accogliere i clienti a patto che questi rispettino le distanze di sicurezza e indossino la mascherina. La novità con la zona bianca è rappresentata dalla possibilità di aprire per tutti anche nei centri commerciali anche nei festivi e prefestivi, quindi anche nei weekend.

Torneranno poi accessibili tutte le spiagge senza necessità di operare un accesso contingentato, così come riapriranno le discoteche, ma solo quelle che offrono servizi di beveraggio alcolico e/o cibo. La musica potrà essere messa ma non si potrà ballare se non dal proprio tavolo. Si potranno organizzare ricevimenti per matrimoni, cresime e battesimi a patto che gli invitati dispongano del green pass e le pietanze gli vengano servite da personale preposto. Restano infine aperti cinema e teatri e continuano i concerti all'aperto dove, per ognuno dei posti, sarà sempre obbligatorio non alzarsi e indossare la mascherina.