(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Focolaio all'ospedale di Tradate, in provincia di Varese. Alcuni operatori sanitari e pazienti sono risultati positivi al Coronavirus. A dare la notizia il consigliere regionale del partito democratico Samuele Astuti, poi confermata da Asst Sette Laghi durante la conferenza tenuta questa mattina, venerdì 30 ottobre, da Ats (Agenzia di tutela della salute) Insubria sul punto dei contagi.

Focolaio all'ospedale Tradate, Astuti: Rischio collasso vicino

Venti i casi positivi su 32 pazienti del reparto di medicina generale, due in pediatria e undici tra medici, infermieri e operatori sanitari. A questi casi accertati si aggiungono le tantissime persone che sono in isolamento domiciliare perché considerate contatti stretti. Il consigliere, in una nota stampa, si è detto poi particolarmente preoccupato considerato che proprio l'Asst Sette Laghi ha confermato il suo impegno per l'ospedale in Fiera: "L’ospedale di Tradate ha dovuto chiudere metà reparto di medicina generale per mancanza di personale sanitario.  Il rischio collasso è vicino e prima di tutto bisogna bloccare il trasferimento all’ospedale della Fiera di Milano degli operatori sanitari".

Asst Sette Laghi, Bonelli: Situazione sotto controllo

Proprio Asst Sette Laghi conferma l'emergenza nei pronto soccorso e nei reparti, affermando che in una settimana da 160 si è passati a 305 pazienti Covid. L'azienda sanitaria ha denunciato una situazione precaria a causa dell'aumento dei contagi a Varese, tesi confermata anche dal sindaco Davide Galimberti in un'intervista a Fanpage.it, e ha affermato di aver già portato avanti tutte le procedure di contenimento: tamponi agli operatori e pazienti, sanificazione e tracciamento dei contatti. "La situazione è sotto controllo", ha affermato il Direttore Generale Gianni Bonelli.