5.080 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Prima dice ai carabinieri “il vostro stipendio me lo fumo”, poi si mette a piangere: l’arresto di Simba La Rue

Secondo alcune indiscrezioni, il trapper avrebbe dileggiato i carabinieri che si sono recati a casa sua. Quando ha capito che erano lì per arrestarlo, sarebbe però scoppiato a piangere.
5.080 CONDIVISIONI
Simba La Rue in uno dei suoi contenuti social (da TikTok)
Simba La Rue in uno dei suoi contenuti social (da TikTok)

Emergono nuovi dettagli sull'arresto di Simba La Rue, avvenuto giovedì 11 aprile a Merone, in provincia di Como. Al trapper sono infatti stati sospesi gli arresti domiciliari, perché non avrebbe rispettato alcune delle prescrizioni previste per i permessi ottenuti. Quando sono arrivati i carabinieri a prenderlo, nella casa in cui vive con la madre e i fratellini, il 21enne avrebbe detto: "Che volete? Quello che voi guadagnate in un mese di stipendio, io me lo fumo in una sera". Ma quando poi ha capito che i militari erano lì per portarlo in carcere sarebbe scoppiato a piangere.

Arrestato di nuovo Simba La Rue

Simba La Rue, al secolo Saida Mohamed Lamine, è stato condannato a oltre quattro anni per lesioni e rapina. Il primo marzo del 2022 avrebbe infatti preso parte a un pestaggio nell'ambito della cosiddetta "faida fra rapper". Quella sera in via Settala a Milano si sarebbero fronteggiate le sua gang con quella del rivale Bay Touché. La Rue avrebbe anche rubato uno smartphone.

Inoltre il trapper è stato condannato per una sparatoria con il collega e amico Baby Gang che è avvenuta nella notte tra il 2 e il 3 luglio 2022 in via Tocqueville, vicino corso Como. Il 21enne era quindi stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Tuttavia ora la Procura generale di Milano ha chiesto la revoca della misura alternativa al cercare perché il soggetto avrebbe dimostrato "totale incapacità di autocontrollo", viste le continue violazioni delle prescrizioni del tribunale. In particolare avrebbe pesato sulla decisione del tribunale di sorveglianza un episodio: circa un mese fa Simba sarebbe andato con gli amici al kartodromo di Rozzano, senza poterlo fare, e avrebbe perso il controllo della vettura. Si sarebbe quindi schiantato contro un palo e si sarebbe "dato alla fuga".

Insulta i carabinieri, poi piange

Il giorno in cui i carabinieri sono andati nella sua casa a Merone a prelevarlo per portarlo in carcere, secondo quanto racconta Il Giorno, lo hanno trovato che stava ancora dormendo. Svegliato da uno dei fratelli più piccolo, avrebbe dileggiato i militari dicendo loro: "Quello che voi guadagnate in un mese di stipendio, io me lo fumo in una sera". Poi, però, avrebbe capito che erano lì per portarlo in carcere e che neanche il suo avvocato poteva fare nulla per evitarglielo, quindi sarebbe scoppiato a piangere.

I carabinieri gli hanno dato il tempo di preparare una valigia, salutare i fratelli e poi lo hanno portato prima in caserma per la notifica dell'atto e poi in carcere, al Bassone di Como. Fra l'altro l'arresto aveva già suscitato non poche polemiche in quanto il trapper aveva postato sui suoi social un video in cui veniva mostrato il momento in cui usciva di casa.

5.080 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views