9 Giugno 2021
7:44

Milano, condannato a 4 anni il ragazzo che stuprò una studentessa fuori dalla discoteca Old Fashion

È stato condannato in primo grado a 4 anni di reclusione il ragazzo 21enne accusato di aver violentato una studentessa 20enne fuori dalla discoteca Old Fashion, a Milano. I fatti risalgono all’ottobre del 2019 e il giovane era stato arrestato a Lucca, dove vive, dopo un mese. Il 21enne dovrà anche pagare una provvisionale di 15mila euro alla vittima, che si è costituita parte civile.
A cura di Francesco Loiacono
Vincenzo M., il ragazzo condannato per lo stupro
Vincenzo M., il ragazzo condannato per lo stupro

Quattro anni di reclusione e una provvisionale di 15mila euro da pagare alla sua vittima. È la condanna inflitta a Vincenzo M., ragazzo 21enne accusato di aver violentato una studentessa 20enne fuori dalla discoteca Old Fashion di Milano. I fatti risalgono alla notte tra il 12 e 13 ottobre del 2019. Il ragazzo, che vive a Lucca, si era recato a Milano assieme ad alcuni amici per trascorrere la serata in discoteca. Nel locale aveva conosciuto la sua vittima, una studentessa di origini dominicane che era arrivata a Milano da pochi giorni. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, il giovane avrebbe approfittato dello stato confusionale della giovane, dovuto forse al troppo alcol assunto, per portarla all'esterno della discoteca, in un punto del parco Sempione, e violentarla. Dopo lo stupro aveva riaccompagnato la giovane dalle amiche e aveva anche lasciato un numero di telefono, grazie al quale gli investigatori avevano potuto fare accertamenti sulla notte in questione.

Il ragazzo era stato arrestato nel novembre 2019

La ragazza aveva denunciato la violenza il giorno seguente, dopo essersi ripresa dallo choc e aver ricostruito quanto le era accaduto. I poliziotti l'avevano prima accompagnata presso il centro antiviolenza della clinica Mangiagalli, dove erano stati accertati gli abusi, e poi avevano fatto partire le indagini che, dopo circa un mese dai fatti, avevano portato all'arresto del 21enne, posto ai domiciliari nella sua abitazione a Lucca. Le indagini condotte dalla squadra mobile hanno poi portato al processo: il pubblico ministero Giovanni Tarzia aveva chiesto sei anni di reclusione per il giovane, ma la nona sezione penale del tribunale di Milano, presieduta dalla giudice Mariolina Panasiti, gli ha concesso le attenuanti generiche condannandolo a 4 anni e al pagamento della provvisionale nei confronti della studentessa, che si è costituita parte civile. Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro 90 giorni: poi si capirà se il 21enne deciderà di ricorrere in appello.

Rozzano, picchia la compagna e le sfregia il volto: condannato a cinque anni di carcere
Rozzano, picchia la compagna e le sfregia il volto: condannato a cinque anni di carcere
Abusi sessuali su un minore, don Mauro Galli condannato in appello a 5 anni e 6 mesi
Abusi sessuali su un minore, don Mauro Galli condannato in appello a 5 anni e 6 mesi
Ragazzo muore folgorato nella metro di Milano: la tragedia nella notte
Ragazzo muore folgorato nella metro di Milano: la tragedia nella notte
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni