292 CONDIVISIONI
Coronavirus
7 Luglio 2021
17:11

Lombardia, campagna “porta a porta” con i camper per convincere gli over 60 non ancora vaccinati

Regione Lombardia è pronta ad andare di casa in casa per vaccinare gli over 60 che ancora non hanno prenotato la loro dose anti Covid. A preoccupare il presidente Attilio Fontana è l’incremento dei contagi, soprattutto nel Lodigiano: “Quello che occorre sottolineare è che grazie alla campagna vaccinale, chi si ammala non viene ospedalizzato e non ha conseguenze gravi”. Il vaccino verrà distribuito con un camper.
A cura di Giorgia Venturini
292 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

"Proprio per convincere gli over 60 non ancora vaccinati domani inizierà una campagna che si può definire ‘porta a porta' in alcune zone della Lombardia dove abbiamo registrato questa situazione". Lo ha precisato il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana commentando la situazione dell'incremento dei contagi, soprattutto della variante Delta, in tutta la regione. Il governatore sottolinea poi che solo il vaccino permetterà a chi si ammala di stare lontano dagli ospedali: "È opportuno ribadirlo per convincere la gente che ancora non l'ha fatto, a vaccinarsi".

Vaccinazioni di casa in casa

Per questo da Regione Lombardia fanno sapere che sono pronti ad andare di casa in casa: "Attraverso l'utilizzo di camper, che fungeranno da veri e propri uffici mobili, dotati di personale amministrativo, tecnico e sanitario". E tutto sembra essere già stato organizzato: "Domani in Lomellina e dopodomani nella zona del Mantovano, vicino a Monzambano, metteremo a disposizione circa 4mila dosi per questa categoria. Si tratta di un ulteriore sforzo che facciamo per convincere anche i più dubbiosi, in collaborazione con i medici di famiglia e i sindaci, che hanno concesso spazi all'interno dei propri comuni per effettuare la somministrazione e il controllo".

Aumentano i contagi nel lodigiano

A preoccupare soprattutto Fontana è l'incremento di contagi che si è registrato negli scorsi giorni nel Lodigiano, dove a distanza di circa 20 giorni dagli zero contagi registrati il 15 giugno è scoppiato un focolaio di Covid. "Nel lodigiano si è verificato qualche piccolo incremento di contagi – ha detto oggi Fontana al Tgr – è una cosa abbastanza prevedibile, tenendo conto che ormai le limitazioni sono ridotte e l'apertura generalizzata può favorire questo genere di situazioni. Quello che occorre sottolineare è che grazie alla campagna vaccinale, chi si ammala non viene ospedalizzato e non ha conseguenze gravi". Per il governatore Fontana non resta dunque che vaccinarsi.

292 CONDIVISIONI
27016 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni