Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

In alcune scuole di Milano, della provincia di Monza e Brianza e nei pronto soccorso e nei territori di riferimento delle Agenzie di tutela della Salute della Brianza e Insubria sono iniziate le sperimentazioni con i tamponi antigenici rapidi, il cui esito si ottiene in circa quindici minuti. A darne notizia con un comunicato stampa è il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana: "L’obiettivo è quello di individuare e isolare velocemente tutti i potenziali casi positivi in una fase di particolare incremento della diffusione dei contagi”.

La sperimentazione in 14 scuole di Milano

La sperimentazione si svolgerà in quattordici scuole di Milano e sarà condotta dalla clinica pediatrica dell'Asst Fatebenefratelli-Sacco coordinata dal professore Gian Felice Zuccotti. L'iniziativa vede anche la collaborazione di Ats Milano, dell'Università degli studi di Milano e il supporto dell'Ufficio scolastico regionale. Per quanto riguarda il territorio di controllo di Ats Brianza, i tamponi rapidi saranno testati sugli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado dei comuni di Carate Brianza, Besana Brianza e Seregno, che presentano dei sintomi a scuola. Oltre agli studenti parteciperanno alla sperimentazione anche i docenti e il personale scolastico degli istituti di ogni ordine e grado che manifestano sintomi a scuola o a casa. Nella nota stampa si legge che anche sul territorio di Ats Insubria, si procederà con test rapidi sui pazienti del pronto soccorso dell'Asst Lariana e Valle Olona così da individuare velocemente i casi positivi. Entro i prossimi dieci giorni, fa sapere l'assessore al Welfare Giulio Gallera arriveranno 1,2 milioni di test antigenici rapidi: “La Regione li ha acquistati recentemente e saranno utilizzati nel settore scolastico, nei pronto soccorso e sul territorio”.