Carlo Mosca, primario del pronto soccorso dell'ospedale di Montichiari, in provincia di Brescia, è stato arrestato con l'accusa di omicidio volontario per aver provocato la morte di due pazienti affetti dal Covid-19 nel marzo dello scorso anno, in piena prima ondata dell'epidemia. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, Mosca avrebbe somministrato farmaci anestetici e bloccanti che avrebbero condotto i degenti al decesso. In più, l'uso di tali medicinali non sarebbe stato specificato nelle cartelle cliniche delle vittime.

Chi è Carlo Mosca, il primario di Montichiari arrestato

Mosca, originario di Cremona, dopo un primo passaggio agli Spedali Civili di Brescia, ha lavorato al pronto soccorso del Carlo Poma di Mantova in qualità di Dirigente medico di I livello. Poi, nel 2017, il ritorno a Montichiari in qualità di libero professionista prima e di Dirigente medico di I livello al pronto soccorso dopo. Dal 2018, infine, è stato nominato primario del reparto, a capo dell'equipe medica composta da altre tre dottoresse. Scorrendo le informazioni contenute nel suo curriculum vitae, si legge poi che Mosca ha coperto il ruolo di medico competente per la formazione/informazione degli incaricati di primo soccorso dal 2005 al 2016 per le aziende di categoria A,B,C di Brescia e Provincia. Dal 2006 al 2013 è stato poi "Medico Responsabile di Esami strumentali (Audiometria e spirometria) presso il centro di Medicina del Lavoro MEDLINE con sede a Poncarale BS". Nel biennio tra il 2006 e il 2008 era anche "Medico Incaricato per la provincia di Brescia da Europe Assistence (per trasporti sanitari su gomme e su ala con ADAC per l’Europa), e, sempre dal 2006, ad oggi, è medico Areu (Azienda regionale emergenza urgenza della Lombardia), nonché direttore sanitario dell'Associazione Croce Bianca di Lumezzane.

In un'intervista aveva detto: Sento ancora il fischio dell'ossigeno

In un'intervista concessa lo scorso giugno al Corriere della sera, il dottor Mosca aveva ricordato il periodo di massima criticità vissuto durante la prima ondata della pandemia, il mese di marzo, quando gli inquirenti pensano abbia ucciso i due pazienti. "A casa avevo una bambina di sette anni che il distacco l’ha sofferto. Nelle telefonate – aveva raccontato – stanchezza e ansia emergevano, all’inizio c’erano anche degli sfoghi". Poi, per descrivere il terzo mese dell'anno, aveva dichiarato che ogni giorno era una battaglia "per cercare di salvare più vite possibili". Ovviamente provato dalla mole di lavoro di quel periodo, aveva ricordato come "spesso a casa chiamavo dopo le 21.30, a volte non telefonavo. La testa era sempre all’ospedale, ai pazienti, al da farsi", tanto che al ritorno a casa ad emergenza passata, aveva ammesso come sentisse ancora il fischio dell'ossigeno delle tubazioni dei pazienti in terapia intensiva: "Lo sento ancora – aveva detto -, anche adesso che è tutto spento".