7 Novembre 2022
17:04

Intossicato dal monossido di carbonio: trattamento d’urgenza per un 42enne

Un uomo di 42 anni è rimasto intossicato dal monossido di carbonio. Il monossido di carbonio sarebbe divampato da un generatore di corrente.
A cura di Giorgia Venturini
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Un uomo di 42 anni è finito d'urgenza in ospedale perché rimasto intossicato dal monossido di carbonio. Tutto è successo nella serata di sabato 5 novembre in via Piccinini a Gazzaniga, in provincia di Bergamo.

Qui – stando alla ricostruzione dei fatti – il monossido di carbonio sarebbe divampato in casa a causa del cattivo funzionamento di un generatore di corrente posizionato nel seminterrato dell'abitazione.

Subito l'allerta ai soccorsi e i soccorsi al 42enne: il paziente poco dopo è stato trasportato prima all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e poi per lui è stato necessario il trasferimento in Habilita Istituto di Neuroriabilitaazione ad Alta Complessità di Zingonia.

Il paziente è stato sottoposto a un trattamento di ossigeno terapia in regime di emergenza. Il paziente non è in pericolo di vita.

Altri due inquilini finiti in ospedale

Solo lo scorso settembre due persone sono finite in ospedale a causa della fuoriuscita di monossido di carbonio da un braciere a legno acceso la notte scorsa in un appartamento in via Garibaldi a Brenta, in provincia di Varese.

A dare l'allarme, come riporta La Prealpina, è stato un terzo inquilino dell'appartamento che la notta scorsa si trovava fuori casa. All'alba avrebbe chiamato i due uomini che, non rispondendo al cellulare, si è subito preoccupato. Subito la corsa in ospedale: i due uomini poi sono stati giudicati fuori pericolo.

Morti due operai per il monossido di carbonio

Sorte diversa purtroppo per altri due uomini. Said Salah Ibrahim Abdelaziz, 25 anni, e Samir Mohamed Said, 29 anni, sono stati trovati senza vita dentro un container da un collega. Si erano rifugiati lì dentro per passare la notte, e sono stati uccisi dalle esalazioni di monossido di carbonio sprigionato dal braciere che avevano acceso per scaldarsi.

Si butta nel fiume da un ponte alto 20 metri: trasferita d'urgenza in ospedale
Si butta nel fiume da un ponte alto 20 metri: trasferita d'urgenza in ospedale
Manometteva i parcometri per pagarsi i trattamenti estetici e i villaggi fitness: arrestata
Manometteva i parcometri per pagarsi i trattamenti estetici e i villaggi fitness: arrestata
Perché un attivista di Ultima Generazione rischia un trattamento penale da boss di mafia
Perché un attivista di Ultima Generazione rischia un trattamento penale da boss di mafia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni