leoncini-salvini
in foto: Foto Fb: Eleonora Leoncini

"I morti nei camion a Bergamo sono una fake news perché erano le stesse foto del passato". Questa la frase choc pronunciata dalla consigliera comunale della Lega di un paese in Toscana, San Casciano, nonché responsabile del partito nel Chianti, Eleonora Leoncini durante una seduta del consiglio comunale tenutasi per via telematica.

Frase choc della consigliera comunale: Camion di Bergamo una fake news

La Leoncini, mentre rispondeva ad un collega, ha dichiarato che "sul discorso dei camion di Bergamo è una fake news che è stata pubblicata perché erano foto scattate in passato, quindi non mi dilungo ulteriormente". Prima ancora, però, la consigliera leghista aveva gettato dubbi anche sull'importanza dei vaccini, sostenendo di portare "rispetto per tutte le morti" avvisando poi la consigliera Nicolini di portare "rispetto per tutte le persone che sono decedute o hanno riportato gravi reazioni avverse" causate dai vaccini stessi. A denunciare l'accaduto è stato il Partito Democratico che, postando il video su Facebook, ha tuonato: "Ogni limite all’indecenza è stato definitivamente superato. Quelle che leggete sono le incredibili parole che Eleonora Leoncini, capogruppo della Lega in consiglio comunale a San Casciano e responsabile della Lega nel Chianti, ha pensato di pronunciare nel corso di una seduta svolta online".

 

Il Pd: Salvini non ha nulla da dire?

Il partito guidato da Nicola Zingaretti ha poi rincarato la dose, scrivendo: "Ve le ricordate le foto dei camion di Bergamo che sconvolsero l’intero Paese nel corso della prima ondata? Ve la ricordate la fila dei mezzi militari con a bordo decine e decine di bare? Ecco, per la consigliera leghista tutto questo non c’è mai stato. Quei morti e quei camion non sono mai esistiti". "Il dolore delle loro famiglie è una fake news. Qui siamo oltre l’espressione di opinioni. Qui siamo alla follia totale. Il segretario della Lega Matteo Salvini non ha nulla da dire?", ha infine chiosato il Pd riferendosi direttamente al leader politico del partito a cui appartiene la Leoncini.