Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Tamponi a tappeto da parte di Ats Valpadana per i 250 dipendenti dell'azienda agricola Francescon di Rodigo, nel Mantovano, dove è stato individuato un focolaio di Coronavirus con 97 lavoratori finora risultati positivi. Tra oggi e domani tutti i tamponi saranno processati e si avranno così chiari i numeri del focolaio che è stato prontamente individuato e circoscritto, così come spiegato dall'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera martedì pomeriggio: "L'Ats ha attivato i medici in servizio presso l'Usca di Mantova ed il personale delle Malattie Infettive – ha spiegato l'assessore – per sottoporre al tampone i 250 dipendenti; l'analisi condotta finora su 172 lavoratori ha evidenziato la positività di 96 soggetti, oltre al caso ‘indice' che aveva dato origine all'indagine".

Al momento solo i 250 dipendenti sono stati sottoposti a tampone

Tra le persone risultate positive sono tre quelle che mostrano sintomi mentre una quarta è stata ricoverata in ospedale. Ora sarà fondamentale partendo proprio dal cosiddetto paziente indice avviare l'inchiesta epidemiologica per identificare i contatti stretti in ambito familiare e lavorativo e per individuare le possibili fonti di contagio: secondo quanto riportato da Ats Valpadana a Fanpage.it ad oggi nessun altro contatto esterno all'azienda è stato tracciato e sottoposto e tampone. Saranno dunque i risultati dei tamponi e lo screening attivati nei giorni scorsi a fornire le risposte necessarie: sono al lavoro i medici delle Usca di Mantova, Suzzara e Viadana.

L'azienda a maggio aveva assunto operai disoccupati a causa del Covid

Intanto dall'azienda Francescon che nel frattempo è stata sottoposta a sanificazione "dichiarano che sarebbe tutto comunque sotto controllo", così come riportato dalla stampa locale. La stessa azienda si era distinta tra le altre lo scorso maggio ricevendo anche la visita dell'assessore Fabio Rolfi per aver assunto alcuni operai e il titolare di una ditta di allestimento e logistica costretta a chiudere a causa della crisi economica determinata dal Covid.