103 CONDIVISIONI
Le news sul virus West Nile in Italia
12 Settembre 2022
19:17

Febbre del Nilo, muore 54enne a Lodi: è la terza vittima in Lombardia

C’è una terza vittima della febbre del Nilo in Lombardia, una donna di 54 anni morta all’ospedale Maggiore di Lodi. Prima di lei, altri due casi: un 74enne di Manerbio (Brescia) e un uomo di 70 anni residente a Castelverde (Cremona).
A cura di Francesca Del Boca
103 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Le news sul virus West Nile in Italia

C'è una terza vittima per la febbre del Nilo in Lombardia. È una donna di 54 anni, morta all'ospedale Maggiore di Lodi per le complicazioni della febbre del Nilo (o West Nile): i primi sintomi erano cominciati circa un mese fa e, inizialmente, la donna si era rivolta al medico di famiglia. Poi il ricovero, il peggioramento continuo e infine la morte.

Le altre due vittime del virus

Prima di lei, altri due casi. A metà agosto, la prima vittima: un 74enne della Bassa Bresciana, ricoverato all'ospedale di Manerbio. A fine mese, invece, a morire per la febbre del Nilo è stato un uomo di 70 anni residente a Castelverde (Cremona).

La febbre del Nilo

Ma cos'è la febbre del Nilo, o West Nile? Si tratta di una malattia provocata dal virus West Nile, un virus trasportato principalmente dalle zanzare. Il periodo di incubazione dal momento della puntura della zanzara infetta varia fra 2 e 14 giorni, ma può essere anche di 21 giorni nei soggetti con deficit a carico del sistema immunitario.

Di questo genere fanno parte anche il virus della febbre gialla, il virus dell'encefalite di Saint-Louis, il virus dell'encefalite di Murray Valley e il virus dell'encefalite giapponese.

I casi sintomatici

Secondo l'ISS, la maggior parte delle persone infette non mostra alcun sintomo. Fra i casi sintomatici, circa il 20 per cento presenta sintomi leggeri: febbre, mal di testa, nausea, vomito, linfonodi ingrossati, sfoghi cutanei.

Questi sintomi possono durare pochi giorni, in rari casi qualche settimana, e possono variare molto a seconda dell’età della persona. Nei bambini è più frequente una febbre leggera, nei giovani la sintomatologia è caratterizzata da febbre mediamente alta, arrossamento degli occhi, mal di testa e dolori muscolari. Negli anziani e nelle persone debilitate, invece, la sintomatologia può essere più grave.

La sindrome più grave

I sintomi più gravi si presentano in media in meno dell’1 per cento delle persone infette (1 persona su 150), e comprendono febbre alta, forti mal di testa, debolezza muscolare, disorientamento, tremori, disturbi alla vista, torpore, convulsioni, fino alla paralisi e al coma. Alcuni effetti neurologici possono essere permanenti. Nei casi più gravi (circa 1 su mille) il virus può causare un’encefalite letale.

103 CONDIVISIONI
14 contenuti su questa storia
“Una zanzara mi ha messo fuori combattimento”, morto di West Nile il pittore Momò Calascibetta
“Una zanzara mi ha messo fuori combattimento”, morto di West Nile il pittore Momò Calascibetta
Come mai quest’anno ci sono così tanti casi di virus West Nile
Come mai quest’anno ci sono così tanti casi di virus West Nile
Dentro la terapia intensiva di Padova, dove i ricoverati per West Nile superano quelli per Covid
Dentro la terapia intensiva di Padova, dove i ricoverati per West Nile superano quelli per Covid
1.780.038 di Elia Cavarzan
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni